Archivi Blog

Prezzi in affitto in leggero aumento in Italia

La sottile variazione che fa la differenza. Prezzi degli affitti in aumento nell’ultimo trimestre

Siamo ormai abituati a sentire notizie che ci informano degli aumenti dei costi della vita ed anche per questo mese non potremo dire il contrario, per quanto riguarda il canone d’affitto. Gli importi delle mensilità crescono, se pur molto lentamente, e sempre più frequenti sono i casi di morosità.

Il team di Mioaffitto.it, portale che da anni si occupa di immobili in locazione, ha registrato una generale se pur lieve crescita dei prezzi nell’ultimo trimestre, si parla dello 0,7%.

Rispetto agli ultimi sei mesi la variazione rimane sulla stessa linea (0,8%) mentre rispetto al 2013 vivere in affitto in Italia costa 2,8% in più.

Si pensi che solo in un mese, ovvero da febbraio a marzo, gli importi sono aumentati dell’ 1,2%.

Al mese di marzo 2014 risulta infatti che il prezzo medio di una mensiltà per l’affitto di una casa in Italia vale 786 euro, 5 euro in più rispetto a gennaio.

A Milano, città più cara dello Stivale, un inquilino paga 0,9% in più rispetto al primo mese di quest’anno: la cifra si aggira attorno ai 1838 euro, quasi il 7% rispetto all’aprile 2013.

Roma invece non ha visto particolari cambiamenti dei prezzi, abbiamo infatti osservato che la crescita annuale è stata solo dell’ 1,4% e rispetto al trimestre dello 0,4%.

Firenze è una delle poche città italiane in cui il prezzo è lievemente diminuito nel corso degli ultimi 3 mesi. La percentuale non è molto significativa (0,2%) ma è comunque un segnale che questo sia un buon momento per affittare casa nel capoluogo toscano.

Stessa cosa accade in Liguria. A Genova, affittare un appartamento costerà circa 822 euro, -0,2% rispetto al mese di gennaio ed il 3,7% in meno se confrontato con il 2013.

Treviso è la città veneta più cara, addirittura meno economica di Venezia (ma solo di pochi euro). Chi desidera prendere casa in affitto in questa città dovrà tenere in conto che la media dei prezzi si aggira attorno agli 871 euro mensili, circa lo 0,7% se paragonato all’inizio dell’anno e lo 0,4% in più rispetto a 12 mesi fa.

La Sicilia rimane in fondo alla classifica e si conferma la regione più economica dal punto di vista dei prezzi delle locazioni. Ragusa, siconferma essere la città meno cara d’Italia: 398 euro per un mese di affitto, circa lo 0,6% rispetto a gennaio.

In questa pagina troverai i prezzi degli affitti, in tutte le città e le province italiane, potrai inoltre scoprire le variazioni annuali, semestrali e trimestrali dei canoni di locazione.

Chi siamo?

Mioaffitto.it è un portale online specializzato nell’affitto di abitazioni per lungo periodo che raccoglie oltre 150 mila annunci di immobili in affitto in tutta Italia.

 

 

Annunci

Utilizzare i Listini per capire il Mercato

Il presente editoriale è stato pubblicato da Quotidiano Immobiliare ed è frutto di un confronto con altri operatori di settore maturato proprio attraverso un gruppo presente su Facebook.

Un elemento di accesa discussione sono i report e i borsini pubblicati da associazioni ed enti. Attraverso intervista ad associati ed operatori, si traccia il bilancio di andamento dei prezzi e dei volumi, al fine di creare strumenti utili a chi lavora nel mercato immobiliare. Letture contrastanti e dati non sempre corrispondenti tra loro sono argomento di dibattito e confronto, che aiuta a conoscere meglio il pensiero degli addetti ai lavori.
Il 2011 si spera tutti sia l’anno di una timida ripresa del comparto immobiliare, ma per il momento è tempo di bilanci e report sull’andamento del 2010, più che di previsioni per l’anno in corso.
Il primo report nazionale ad essere pubblicato è quello FIAIP. I dati rilevati a mezzo intervista degl agenti immobiliari aderenti a FIAIP parlano chiaro: calo generalizzato dei prezzi e delle compravendite con rare eccezioni nelle città di maggior pregio e importanza, Venezia su tutte. Fermando l’attenzione sull’analisi del settore residenziale leggiamo di un -2% in termini assoluti per quanto riguarda le compravendite e – 4,5% in riferimento ai prezzi con maglia nera Palermo che tocca il -11%.
Fin qui i numeri e l’analisi statistica, ma andando più a fondo, la realtà potrebbe essere differente. Nella mia particolare esperienza professionale che mi porta a contatto con molteplici realtà immobiliari presenti sul territorio nazionale ed estero, il confronto con colleghi agenti immobiliare e operatori del settore (notai, tecnici, mediatori creditizi) è importante, oltre che utile, per avere conoscenza specifica delle varie realtà. Fino a ieri questa attività era possibile o attraverso il telefono, o meglio ancora con visite e incontri dove analizzare in onestà il trend immobiliare. Con l’avvento dei social network, tutto ciò è reso molto più semplice. Chiaro che una bella chiacchierata vis a vis non può essere sostituita da una conversazione telematica, ma spesso da dietro un monitor si è anche più sinceri. A tal fine Facebook è lo strumento principe per “incontrarsi”, e da qualche giorno è attivo il gruppo Estate Agents & Co fondato dalla valida collega Tina Ferraiuolo, a cui partecipo con molto interesse. Questo spazio virtuale è utile punto di confronto tra operatori e il primo argomento di cui si è deciso di parlare ha preso proprio spunto dal report FIAIP. La domanda è stata: il report FIAIP corrisponde alle vostre opinioni? L’argomento ha dato spunto per varie riflessioni, ma quello che più è apparso in linea con il tema offerto, è la differenza di vedute degli operatori in merito alla valenza stessa delle rilevazioni. Questo a mio avviso è dettato da due fattori: primo, un’assenza di statistiche e report che ciascun professionista dovrebbe redigere a proprio uso e consumo e quindi, in sostituzione, si ricorre giunto il momento di confrontarsi sui dati a percezioni e visioni più che a valori reali; secondo, qualora si abbia davvero il polso della situazione riguardante il territorio in cui si opera, si stenta ad avere una visione più ampia del mercato immobiliare.

La considerazione finale è che i dati sono utili solo se letti nel complessivo, perché indicano le tendenze e gli umori dell’utenza: curare solo la conoscenza del proprio mercato è un grosso limite, anche se è già qualcosa. Su una cosa si converge: il crollo del numero di compravendite pro-capite, che in termini assoluti non è riassumibile in qualche punto percentuale, ma significa decine di migliaia di fatturato in meno; a ciò si somma una visione pessimistica del settore che sente crescere un senso di sfiducia, più che in passato, da parte del mercato. La preoccupazione maggiore è proprio questa: gli utenti stentano a riconoscere la valenza della figura professionale dell’agente immobiliare, e preferiscono “risparmiare” su un servizio che spesso è visto solo come un costo aggiuntivo. In sintesi l’erosione delle quote di mercato è più pesante se letta tra le righe: si vendono meno case, e se ne vendono sempre meno tramite agenzia immobiliare.
In ultima analisi, eccezion fatta per il comparto turistico e per quello del lusso, il mercato langue e non sembra maturo per ripartire con sprint. Se gli agenti immobiliari confidano nel maggior apporto derivante da una crescita presunta delle locazioni, la sfiducia nel comparto residenziale e commerciale appare evidente. Che sia giunto il momento di non lasciare che i dati restino mero esercizio statistico, ma trarne invece motivazione per un rinnovamento?

Andrea Russo

articolo originale su Quotidiano Immobiliare

Leggi anche

Mentre l’Italia abolisce l’albo dei mediatori immobiliari

Mercato Immobiliare italiano: continua il ballo del Mattone

FIAIP: lenta ripresa del mercato immobiliare nel 2010

Per il 2011 gli agenti immobiliari prevedono una ripresa delle compravendite di case nelle città e un aumento delle locazioni del 10%

È stato presentato oggi a Roma il Report 2010 sul mercato immobiliare urbano, realizzato da Fiaip (Federazione italiana degli agenti immobiliari professionali) sulla base di un campione di informazioni raccolte ed elaborate da oltre 600 valutatori Fiaip su tutto il territorio nazionale.

Dal Rapporto emerge una lenta ripresa del mercato immobiliare in chiusura di 2010: nel secondo semestre, in particolare, il mercato ha iniziato a riprendere fiato e a registrare un notevole aumento delle richieste unito ad una maggiore vivacità delle trattative.

Calo dei prezzi degli immobili

In generale, nel 2010 si è registrato – rispetto all’anno precedente – un andamento dei prezzi in diminuzione di circa un -4,5% per le abitazioni e del -6% per i negozi, che si attesta sempre in diminuzione, attorno al 6,6% per gli uffici e al 6,3% per i capannoni. “Ciò è dovuto – spiega il Rapporto – ad una maggior offerta di immobili con un numero di compravendite concluse ancora minore alle attese di mercato a causa di un prezzo degli immobili che per molti proprietari è ancora fermo ai prezzi di mercato del 2007”.

Secondo il Rapporto, che ha analizzato un campione di 12 città italiane, lo scorso anno c’è stata una diminuzione generale dei prezzi per le abitazioni in tutte le città, fatta eccezione per Venezia (+2,22%) e Siena (+0,2%) che fotografano una realtà in controtendenza. La palma d’oro per la diminuzione dei prezzi degli immobili residenziali va a Palermo con la punta massima rilevata nel capoluogo siciliano del -11%. I restanti cali spaziano tra il -1,56% di Napoli ed il -7% di Bergamo, passando tra -3% di Bologna e Torino, -3,64% di Genova, -4% di Roma, -5% di Firenze, -6% di Salerno e -6,2% di Milano.

Diminuzione del numero di compravendite

Per quanto riguarda il numero di compravendite si rileva una diminuzione percentuale che varia dal – 2% delle abitazioni, al – 8% dei capannoni, all’-8,4% dei negozi, fino al – 9% per immobili ad uso ufficio. Il tempo medio di vendita degli immobili ad uso abitativo è tra i 6 e i 9 mesi, mentre aumenta di 1-3 mesi rispetto al 2009 l’allungamento del periodo tra l’incarico e la vendita.

Immobili turistici

La rilevazione di Fiaip si è concentrata anche sull’andamento del mercato immobiliare turistico, rilevando nel 2010 un aumento del numero degli immobili turistici messi in vendita (+10%), e un calo delle transazioni (–14%), accompagnate da una frenata dei prezzi al metro quadro (-5%). Per il 2011 Fiaip prevede per le compravendite delle seconde case un calo dei prezzi al metro quadro tra il 2 e il 3%.

Ricorso al mutuo

Sono inoltre sempre di più gli italiani (52%) ed i clienti extra U.E. (75%) che nel 2010 hanno fatto ricorso al sistema creditizio (mutuo) per acquistare immobili, sebbene vi sia stata una riduzione delle richieste ed erogazioni rispetto al 2009.

Nuova qualità della domanda

“In un momento in cui la forbice tra richiesta ed offerta continua ad essere ancora troppo distante (circa il 20%), la nuova tendenza che si registra – sottolinea Mario Condò de Satriano, Presidente del Centro Studi Fiaip – è costituita dalla nuova qualità della domanda, frutto, anche, delle nuove norme relative al rendimento energetico, oltre che ad una ritrovata spinta di ‘voglia di case’, in particolar modo, piccoli appartamenti (70/80 mq.), in zone centrali e con elevate qualità contestuali e strutturali. Infatti, secondo il report Fiaip, sebbene gli effetti dello scudo fiscale nel segmento alto, non siano stati all’altezza delle aspettative, le banche hanno finalmente ritrovato la disponibilità e la volontà a finanziare le famiglie interessate ad acquistare, in special modo, nel segmento medio-basso, e la domanda ha sostenuto il mercato contenendo sia la diminuzione dei prezzi che la diminuzione del volume degli scambi”.

Mercato delle locazioni

Riguardo al mercato delle locazioni, il Rapporto rileva nel 2010 una sostanziale stabilità ed unofferta in leggera diminuzione rispetto al 2009 (sebbene vi sia una domanda di abitazioni da locare in costante aumento), ma registra un aumento del numero dei contratti di locazionerispetto allo stesso periodo del 2009.

Il mercato delle locazione vede un rallentamento dei prezzi che rispetto al 2009 subiscono una flessione contenuta (- 1,73%) per il comparto abitativo mentre per il commerciale la diminuzione è valutata attorno al -4/-4,8% circa. In calo anche i prezzi delle locazioni dei negozi che nel 2010 fanno registrare un -3,95%. Rispetto al 2009 il mercato delle locazioni indica per il comparto residenziale un aumento della domanda di abitazioni, l’offerta di immobili rimane stazionaria con un incremento del numero dei contratti. I contratti di locazione risultano infatti in costante aumento del +5,51% per gli affitti delle abitazioni, mentre per negozi (-1,6) si riscontra una flessione dei contratti che diventa più sensibile per le unità immobiliari ad uso direzionale uffici (-3,42%) e capannoni (-3,75%). Per le locazioni i tempi medi per affittare un immobile ad uso abitativo si attestano su un periodo da 1 a 3 mesi (38%) mentre sono in aumento coloro che riescono ad affittare entro un mese dall’incarico all’agenzia (18%).

Le previsioni per il I semestre 2011

Per il primo semestre 2011, le previsioni indicano un miglioramento per le compravendite ad uso residenziale, in particolar modo per le aree centrali delle città, ed un aumento degli affitti a uso abitativo (+10%). Nelle zone periferiche il mercato potrebbe mantenersi sostanzialmente stazionario, così come i tempi di vendita. “E’ possibile però che anche nei prossimi mesi – dichiara il presidente del Centro Studi Fiaip – i motivi di natura precauzionale dovuti all’attuale fase di incertezza politica, possano indurre sia le famiglie che gli investitori a rinviare l’acquisto di un immobile. Ma al tempo stesso, proprio la fase d’incertezza, unita all’introduzione della cedolare secca, potrebbe indurre i potenziali acquirenti a collocare i propri risparmi nel mattone, alla luce del sostanziale contenimento dei prezzi che garantisce la tenuta complessiva dell’investimento e la buona redditività lorda (5,1%)”.

Fonte: CasaEClima.com

http://www.casaeclima.com/index.php?option=com_content&view=article&id=6726:fiaip-lenta-ripresa-del-mercato-immobiliare-nel-2010&catid=1:latest-news&Itemid=50

Leggi anche

Immobiliare, nel 2011 riparte il Residenziale nelle Aree Metropolitane

Balla il Mattone, ma è una danza della morte

Casa: Confedilizia, ripresa del Mercato Immobiliare

Immobili, Ocse: costi di Compravendita troppo alti in Italia

Record di Case Invendute. Sono oltre 120mila

Nomisma – Presentazione Rapporto “La Condizione Abitativa in Italia”

Consigli per Comprar Casa

Residenziale: molto Richieste le Case di Lusso

Censis: gli Italiani hanno Fiducia nell’Investimento Immobiliare

Il Mercato Immobiliare a Catania, Cagliari e Bologna

Il Mercato Immobiliare a Torino, Salerno e Pescara

Da Alloggi di Immigrati a Trendy, resiste il mito della Casa di Ringhiera

I Giovani (e non) la vogliono piccola!

Credito: Abi, pronte le Linee Guida per la Valutazione degli Immobili

Mercato Immobiliare italiano: continua il ballo del Mattone

Mercato Immobiliare: 2 consigli per fare buoni Investimenti

Casa, Acquisto Agevolato: prezzi più bassi e grande scelta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: