Archivi Blog

Ecco chi è lo Straniero che Compra Casa in Italia

Gate-Away.com ha rilevato il profilo medio dell’utente straniero che vuole comprare un immobile nel nostro Paese.

E’ sposato, ha più di 40 anni, ma ci sono anche diversi pensionati. Questo è il profilo medio dell’utente straniero che cerca una casa nel nostro Paese. Secondo i dati raccolti dal portale immobiliare specializzato in annunci immobiliari verso l’estero Gate-Away.com, c’è una chiara categoria di persone che ogni giorno utilizza internet per coronare il sogno di vivere in Italia e che punta forte sulla stabilità del mattone “nostrano”. Il dato evidenziato dalla ricerca mette in risalto anche la scelta dettagliata dell’immobile prescelto, che, molte volte, è una casa da ristrutturare. Il lavoro di recupero della struttura, però, spesso è diluito nel tempo,da non eseguire in tempi brevi, per permettere di utilizzarla nell’arco di qualche anno, per poterci risiedere stabilmente dopo la pensione. Molti dei potenziali amanti del Belpaese lasciano i figli, ormai autonomi, nei loro luoghi d’origine. Gate-Away ha anche rilevato che la maggior parte degli investimenti sostenuti dall’utente straniero è indirizzato principalmente verso una precisa tipologia d’acquisto: casa in tipico stile italiano, solitamente posizionata fuori dai centri abitati, immersa nella campagna, normalmente distante circa mezzora dal mare. Tra le regioni più apprezzate oltre la Toscana, preferita soprattutto da utenti statunitensi e olandesi, svettano le Marche, l’Umbria e la Liguria. Fattore importante è anche la richiesta di immobili costruiti secondo i criteri dell’ediliza ecosostenibile. Anche in case in ristrutturare, il lavoro viene eseguito seguendo questa opzione. Questo aspetto è molto importante se rivolto a potenziali acquirenti di Paesi, soprattutto nel Nord Europa, che già utilizzano da tempo questa tecnologia nelle loro case e che vorrebbero fosse presente in un’abitazione del nostro Paese. Anche i responsabili del portale Gate-Away.com si augurano un miglioramento del mercato immobiliare italiano, che rimane comunque appetibile per l’acquirente straniero. Sembra che, ad oggi, in Italia ci siano circa 250.000 nuovi immobili in attesa di essere venduti: si spera che anche l’acquirente estero possa dare una mano alla ripresa.

Fonte: Informazione.it

http://www.informazione.it/c/438C7D5F-2195-43E0-8349-76D123AAFBFB/Ecco-chi-e-lo-straniero-che-compra-casa-in-Italia

Leggi anche

Di Caprio “colono” d’eccezione. Vuole costruire casa in Israele

Focus sul mercato immobiliare internazionale

Real estate: segnali positivi da Manhattan

Il customer care creativo degli agenti immobiliari made in USA

Dopo lo scudo fiscale tanti bond e poco mattone

La casa di Bel Air di Nicolas Cage venduta per appena 10,5milioni di dollari

Brad Pitt e Angelina Jolie comprano ‘casa’ in Veneto

San Paolo-Rio, rivoluzione immobili

Prezzi case, forti cali nell’immobiliare spagnolo

Case al mare la crisi non c’è. Milano Marittima è la più cara

A New York il primo grattacielo italiano

Curiosando nelle proprietà immobiliari dei magnati dell’informatica

Hotel Armani, a Dubai prezzi giù per la crisi

Hong Kong: boom dell’immobiliare di lusso

Ibra mette in vendita la sua casa di Cernobbio

Una casa all’estero, il nuovo ‘sogno russo’ della classe media

New York: Slim compra bene

Buffon cerca casa… a Manchester

Leonardo Di Caprio cerca villa nel veronese

E se anche Zuckerberg (si, proprio l’ideatore di Facebook!) abita in affitto…

Anche Gibson mette al ribasso il prezzo della propria villa

Traslochi eccellenti a TriBeCa

Annunci

Case al mare la crisi non c’è. Milano Marittima è la più cara

Secondo i dati degli agenti immobiliare anche i prezzi non calano

Milano Marittima si conferma la perla della Riviera, la località più “in” e più costosa della costa romagnola. Lo dicono i dati sull’andamento del mercato turistico raccolti dalla FIAIP, la federazione che raccoglie gli agenti immobiliari della regione. Per un trilocale vicino al mare si arrivano a spendere mediamente quasi 9000 euro al metro quadrato (ma in alcuni siti di particolare pregio i prezzi lievitano fino a 12000 euro al metro quadrato). Per chi si accontenta di una casa un pò più distante dagli ombrelloni il costo minimo per un buon usato è 3350 euro al metro quadrato. Prezzi leggermente più bassi sulla costa di Rimini, dove si va da un minimo di 1900 euro al metro quadrato per un trilocale non nuovo e distante dal mare a Bellaria, ai 6500 euro al metro quadrato per una casa vista spiaggia a Riccione.

Gli acquirenti alla ricerca di occasioni più a buon mercato è meglio che si indirizzino sui Lidi di Ferrara, dove al massimo si spendono 4000 euro al metro quadrato per un appartamento vicino al mare (le località più care sono Lido degli Estensi e Lido di Spina). In generale la FIAIP, che ha monitorato 25 località, restituisce un quadro piuttosto positivo dell’andamento del mercato immobiliare nelle località della riviera.

“Non ha subito i decrementi registrati in altre città”, conferma il presidente Libero Calamosca. Per il 78% degli agenti intervistati le compravendite sono stabili

(40%) o in aumento (38%), solo per il 22% sono in diminuzione, un trend che si dovrebbe ulteriormente rafforzare il prossimo anno, per quanto si prevede un allungamento dei tempi di vendita a 6-7 mesi. LA quasi totalità degli acquirenti si concentra in Emilia-Romagna e Lombardia, ma aumenta l’interesse da Toscana e Umbria

Gli immobili più richiesti nei luoghi di vacanza dice la FIAIP, sono i trilocali e i bilocali con spazio giorno di buona metratura, soprattutto quelli con terrazza vista mare o giardino privato. I prezzi restano stabili rispetto al 2009, con una leggera tendenza alla crescita.

Fonte: Il Resto Del Carlino edizione del 6 novembre 2010

 

Leggi anche

Una casa all’estero, il nuovo ‘sogno russo’ della classe media

Sindaco Forte dei Marmi, nessuno vieta a russi acquisto case

Le ville dei nuovi ricchi dell´Est tradiscono lo stile Forte dei Marmi


Casa: da inizio anno +78% ipoteche legali su immobili

Milano, 1 set. (Adnkronos) – Aumenta nella prima parte del 2009 il numero delle ipoteche legali sugli immobili, quelle connesse al recupero di crediti in sofferenza e non alla sottoscrizione di mutui. In Italia nei primi cinque mesi del 2009, le ipoteche legali sono risultate pari a 83.025, a fronte delle 46.764 iscritte nello stesso periodo del 2008, in aumento del 78% e per un valore medio di circa 90 mila euro. E’ quanto emerge da un’analisi di Experian, societa’ attiva nei servizi informativi per la prevenzione dei rischi di credito e di frode.
Per la societa’ l’aumento e’ dovuto a “un deterioramento della situazione finanziaria degli italiani, unito al maggiore ricorso a strumenti di esecuzione immobiliare da parte delle Concessionarie della Riscossione, ai fini del recupero coattivo dei crediti tributari”.
In ogni caso nel 2008, con 143.647 iscrizioni nell’intero anno di 12 mesi, si era registrato un crollo generalizzato delle iscrizioni sugli immobili a causa dell’innalzamento a 8 mila euro della soglia di credito minima da tutelare con l’ipoteca legale. Nel 2007 erano state 295.889, delle quali 166.786 nei primi cinque mesi dell’anno.
Contrastanti gli andamenti nelle varie regioni. A far segnare gli incrementi piu’ decisi sono il Lazio, dove le ipoteche nei primi cinque mesi dell’anno sono aumentate di sei volte rispetto all’anno precedente (+575%), la Sicilia (+134%) e il Veneto (+93%), mentre crescite consistenti ma meno marcate si hanno in Campania (+42%), Lombardia (+39%), Friuli-Venezia Giulia e Piemonte (per entrambi +37%), Puglia (+36%) e Trentino Alto-Adige (+35%). La situazione e’ invece relativamente stabile rispetto ai primi cinque mesi dello scorso anno in Emilia-Romagna (+20%), nelle Marche (+10%) e in Calabria (+3%), mentre migliora sensibilmente in Basilicata (-83%), Molise (-66%), Umbria (-37%), Liguria (-27%), Valle d’Aosta (-18%), Sardegna (-17%) e Toscana (-16%).

Fonte: http://www.adnkronos.com/IGN/News/Economia/?id=3.0.3722789090

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: