Archivi Blog

Professionalmente Professionisti

Imparare, è vivere. Sapere, è morire.

Jacques Séguéla

professionalmente professionistiLa categoria degli agenti immobiliari, come è noto, non ha la possibilità di riconoscersi in un ordine professionale che ne sancisca il titolo di professionisti alla stregua di notai, avvocati, medici, architetti e via così, ma opera di fatto come si conviene ad un professionista. Eppure, chi vuole fare il lavoro di agente immobiliare deve possedere dei requisiti, deve aver frequentato un corso riconosciuto che lo autorizzi all’esame di idoneità all’esercizio dell’attività, sostenere e superare un esame scritto e uno orale, e operare nel rispetto di adempimenti, oneri e compiti non di certo assimilabili a quelli tipici di un commerciante, di un artigiano, o di qualunque altro titolare d’impresa.

Data l’assenza di riconoscimento legale della professione, l’agente immobiliare ha, dunque, un unico modo per imporsi come professionista: essere professionale, ovvero agire come e meglio di un professionista “titolato”. Del resto, a parità di titolo, tra un avvocato e un altro, tra un notaio e un altro, tra un medico e un altro, il cliente sceglie di rivolgersi a quello che a suo giudizio è più preparato e competente.

Preparazione e competenza sono due degli elementi che caratterizzano un “lavoratore” che si voglia dire professionale o professionista. Anche un bravo ebanista si può definire un abile professionista, in quanto adempie con professionalità al proprio lavoro, e lo stesso vale per ogni altro artigiano. In qualsiasi ambiente lavorativo, la differenza tra due operatori è riscontrabile nelle qualifiche proprie del soggetto.

Appare evidente come uno degli investimenti più importanti che deve essere disposto ad affrontare un agente immobiliare sia quello sulla propria professionalità.

La competenza si acquisisce sul campo, e si affina con l’esperienza, ovvero con la pratica costante, ma non può prescindere dallo studio.

Pratica e teoria non sono scindibili e una non esclude l’altra,  ma, al contrario, sono conseguenti e conseguenziali. In effetti, oggi una cosa su cui la maggioranza assoluta degli operatori è d’accordo si traduce nell’accettazione pressoché unanime di come il mercato immobiliare sia radicalmente diverso rispetto a quello di pochi anni fa (3/4), da cui deriva un’incontrovertibile certezza: l’agente immobiliare non può più essere uguale a come era ieri.

Eppure, questa considerazione che appare ovvia ad ogni professionista che costantemente si aggiorna e migliora i propri skills, consapevole del fatto che nello stesso momento qualcun altro più o meno vicino a lui sta cercando di accrescere la propria credibilità professionale, non sempre lo è per l’agente immobiliare, che troppo spesso derubrica conoscenza e “allenamento” ad attività secondarie e non indispensabili.

Paradossalmente, è come come se un atleta si presentasse alle Olimpiadi senza essersi adeguatamente preparato e ambisse ad una medaglia!

Un professionista,  aldilà di albi e leggi, lo si riconosce dal rispetto che ha verso il proprio lavoro e dall’attenzione con cui lo cura, perché soltanto chi dedica tempo ed energie al miglioramento delle proprie performance può definirsi davvero professionale. Maggiori sono le conoscenze che si acquisiscono, più alte sono le possibilità di avere risultati eccezionali.

Essere professionalmente professionisti significa mantenere sempre viva la voglia di imparare e di migliorare, porgendosi al proprio mercato con l’autorevolezza di chi è padrone della propria attività e svolge il proprio lavoro con perizia e competenza.

Nella vita, come nel lavoro, non si smette mai di imparare.

Andrea Russo

twitter @andrearussore

Annunci

The rent to damn high in Dubai? Not so much

There’s a half-off sale in the world’s tallest building.

Even with an address at the iconic Burj Khalifa, rents for residences in the tower are not immune from Dubai’s real estate crash. Indeed, nearly a year after it was inaugurated with a massive water-and-fireworks display, about 825 of the tower’s 900 ultra-luxury apartments remain unoccupied, according to Better Homes, a real estate brokerage in Dubai.

The cost of renting a studio with floor-to-ceiling windows, marble fixtures and wooden floors has dropped to $1,815 a month from $3,025, while a one-bedroom apartment is available for $2,722 (it used to be $4,536), the brokerage says. Two-bedroom residences are expected to get $4,310, down from $7,183. Interested parties “call every few days and go for a viewing,” says Imad Ben Khadra, a Moroccan expatriate who owns two 1,000-sq.-ft. one-bedroom apartments he purchased in late 2008 for about $950,000, both of which he is trying to rent out. “We got some offers [from prospective tenants], but nobody confirms.

Varun Chaudhary bought two two-bedroom residences in the Burj for about $1.5 million in 2005 even before construction began. He saw the value leap from $762 per sq. ft. to $3,811 per sq. ft. at the heights of the boom. Today, those values hover just above his purchase price. But he says he isn’t worried about his investment. “These properties will recuperate faster than other properties because it’s an icon, because it’s only one in the world,” he says. “You just have to say ‘Burj Khalifa.’ That’s the address; you don’t have to explain. It’s a style statement in itself.”

Still, the Burj, with its one-of-a-kind address and amenities like the first-ever Armani Hotel, is only the most high-profile example how Dubai’s once flying real estate market has crashed. Overall in the emirate, property prices have dropped an average of 50%. Some half-built projects, located away from the main highway that runs through the city, may never be completed because their values have dropped too much, analysts say.

But it’s the units that will be completed that are looming as a problem. The Dubai economy must still digest a flood of housing units coming on line or soon to be opened, which will further dampen prices. Through September, 27,000 residential units have been put on the market, and another 9,000 are expected to be completed by the end of the year, according to real estate firm Jones Lang LaSalle. For 2011, the firm forecasts that about 30,000 new units will come on line. A glut in commercial property has forced landlords to offer previously unheard-of incentives such as free rent and allowances to finish out shell construction space. “They built the infrastructure for a much larger economy than it can [now] attract,” says Wissam Haroun, a Syrian expatriate who owns entertainment and technology companies in Dubai.

Worried about the glut, Dubai’s Real Estate Regulatory Agency recently said it was canceling or in the process of canceling about half of all projects registered with the authority. Of about 980 developments, 495 are on the chopping block, according to a Dubai sovereign-bond prospectus made public last week.

Some, however, see opportunity in the depressed prices. “It’s a massive change in terms that it’s no longer the man on the street or the lady on the street buying property on spec or off plan,” says Paul Devonshire, a director with Pramerica Real Estate Investors who specializes in the Middle East and North Africa region. Now, he explains, institutions or more savvy investors are moving in, eyeing distressed or repriced assets.

But the buzz was decidedly subdued at the recent Cityscape Global, the annual real estate exhibition that in the past

featured the launch of glitzy projects like the Palm Trilogy, the world’s largest man-made islands. The name of the event itself had been changed from Cityscape Dubai in order to expand the focus beyond the city-state. Only a fraction of exhibitors — 200, down from around 1,000 during the boom — showed up to participate.

With speculators gone and credit still tight, Dubai is going about the hard work of adjusting to its new economic reality.Top of the list is paying back creditors that helped finance the boom. Over the past decade, Dubai amassed $109 billion in debt, with about $15.5 billion due this year, the International Monetary Fund estimates. Dubai World, one of the three main holding companies controlled by Dubai’s ruler, Sheik Mohammed bin Rashid al-Maktoum, said last month that 99% of its creditors had agreed to alter the terms on $24.9 billion of its debt. Last November, Dubai World sent stock markets around the world tumbling when it announced it wanted a moratorium of its debts. “We are back. Of course we are back,” Sheik Mohammed said in a Bloomberg TV interview last month while attending the Alltech FEI World Equestrian Games in Lexington, Ky.

But, having been through the financial volatility, few seem to want to part with their cash just yet. The Syrian expatriate Haroun, who has lived in Dubai most of his life and plans to raise his family there, says he would like to buy a home. But his forays into the market so far have left him unsatisfied. “People got stupid rich and stupid poor at the same time,” he says. “I’m glad I stayed out of it.”

From: Times.com

http://www.time.com/time/world/article/0,8599,2026934,00.html?xid=rss-topstories-polar

Read more

Real Estate Collapse Spells Havoc in Dubai

Kabul, i Karzai e un impero immobiliare a Dubai

Dubai inaugura il grattacielo più alto del mondo

Abu Dhabi in soccorso di Dubai

Singapore sees strong growth in real estate investment

Greece Must Spur Real-Estate for Economic Growth

Brazil Enjoying a Growing Number of Potential Housing Buyers

News from New York Real Estate


Nel tunnel del mattone c’è un po’ di luce

Se è vero che la Borsa anticipa le tendenze del mercato, allora nel tunnel del comparto immobiliare, forse, si incomincia a intravedere un po’ di luce. L’indice Msci del comparto a livello mondiale nell’ultimo mese (fino al 12 agosto e calcolato in euro) ha guadagnato il 18,5%, portando a +15,5% l’andamento da inizio anno.

“Gli investitori stanno approfittando dello sconto di molti titoli del settore per mettere qualcosa nel cassetto”, spiega una nota di Morningstar in cui si ricorda anche che l’indice Msci del comparto nel 2008 ha perso quasi il 50%. “Si tratta di qualcosa di molto simile a una scommessa. Ma se, come molti dicono, dall’anno prossimo l’economia ripartirà, allora anche il real estate si rimetterà in marcia”.

Sul fronte del “mercato fisico”, intanto, la situazione resta difficile. Negli Stati Uniti, secondo uno studio della società di consulenza immobiliare Zillow quasi un quarto dei titolari di un mutuo casa, deve alle banche molto di più del valore dell’immobile. Per metà del 2010 potrebbe arrivare al 30%. Il valore medio di una casa monofamiliare nel secondo trimestre è sceso del 10% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Si tratta della decima frenata consecutiva. “In questa situazione potrebbe aumentare il numero delle confische”, spiega lo studio.

A far da contorno a questo scenario c’è la difficile situazione macroeconomica in cui si trovano gli Usa anche se, da questo punto di vista, la situazione sta lentamente migliorando. Secondo i dati del Dipartimento del lavoro, il numero di chi ha perso l’occupazione a luglio è sceso a 247mila contro i 443mila del mese precedente.

Notizie più confortanti sul mattone arrivano dal Vecchio continente. Secondo uno studio della Royal Institution of Chartered Surveyors (RICS) in Inghilterra sta diminuendo il numero di agenti immobiliari che registra diminuzioni nei prezzi della case. Il dato è importante, soprattutto considerando da dove arriva. Il Regno Unito, infatti, viene considerato la cartina di tornasole dell’intero settore europeo di cui, storicamente, anticipa di un anno le tendenze.

Nel frattempo è aumentato del 23% il numero dei mutui approvati dalle banche inglesi. “Se i compratori continuano a tornare sul mercato i prezzi dovranno obbligatoriamente salire rispetto all’inizio dell’anno”, dice lo studio RICS. “Questa tendenza, almeno nel breve termine, dovrebbe continuare”.

Fonte: Trend-online.com

http://www.trend-online.com/?stran=izbira&p=prp&id=228479

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: