Archivi Blog

New York, boom di vendite di case

Il calo dei prezzi attira i compratori

Chi vuol comprare casa a Manhattan si faccia avanti perchè ora conviene. Nel terzo quadrimestre del 2009 il settore immobiliare della Grande Mela si è risvegliato e i prezzi medi degli appartamenti sono calati di oltre il 10 % rispetto allo stesso periodo di un anno fa, facendo schizzare le vendite del 45% in appena quattro mesi .

Questo non vuol dire, spiegano gli esperti all’agenzia Reuters, che il settore sia uscito fuori dalla crisi. La notizia però resta una boccata d’ossigeno in mesi di recessione economica: i prezzi degli appartamenti a Manhattan erano saliti fino alla seconda metà del 2008, per poi crollare in media del 25-30% nel periodo successivo.

Nel 2008 le difficoltà dell’economia americana avevano messo in ginocchio il mercato immobiliare in molte città degli Stati Uniti, ma non a Manhattan, dove il settore aveva retto fino al collasso di Wall Street, iniziato con il fallimento della società Lehman Brothers, avvenuto a settembre. “Da quel momento i prezzi sono scesi di 25-30 punti percentuale. In altre città il crollo è arrivato addirittura fino al 50%”, ha spiegato Jonathan Miller, presidente della società di consulenza immobiliare Miller Samuel.

Risultato: per comprare un appartamento in centro a New York ora basta sborsare in media poco più di 900.000 euro (e si risparmia il 10,6% rispetto allo stesso periodo di dodici mesi fa). Al metro quadro una casa a Manhattan costa sui 680 euro, il 16,5% in meno in confronto all’anno passato.

Fonte: Tgcom.it

http://www.tgcom.mediaset.it/economia/articoli/articolo461956.shtml

Immobiliare,vendite appartamenti a Manhattan calate di oltre 50%

NEW YORK (Reuters) – Le vendite degli appartamenti a Manhattan sono calate di oltre il 50% e il prezzo medio è sceso tra il 21,4 e il 24% rispetto ad un anno fa, mentre la recessione colpisce gli Usa.

Lo dicono alcuni rapporti.

Il prezzo medio di un appartamento a Manhattan nel secondo trimestre è sceso a 1.312.920 dollari dai 1.669.729 dell’anno precedente, secondo un rapporto diffuso oggi dal Prudential Douglas Elliman Real Estate.

Il grosso del calo anno su anno è avvenuto in autunno, quando la crisi finanziaria ha provocato un brusco arresto del mercato, ha detto Jonathan Miller, presidente e AD di Miller Samuel Real Estate Appraisers e autore del rapporto.

“Questo ci dice che il mercato continua a ridursi, ma non alla stessa velocità con cui si riduceva lo scorso autunno, e che probabilmente non è ancora finita”, ha detto Miller.

Requisiti più severi per poter accedere a un mutuo, disoccupazione crescente e recessione hanno dato un duro colpo al settore, che per oltre tre anni ha resistito in controtendenza rispetto al crollo del mercato immobiliare Usa.

Ma adesso il mercato di Manhattan ha subìto un tracollo, in un momento in cui Wall Street e il resto delle società private di New York tagliano posti di lavoro.

“Abbiamo avuto un’improvvisa correzione dei prezzi nel breve termine. Adesso stiamo assistendo ad un declino lento”, ha detto Miller.

Anche se lo shock si è affievolito, la disoccupazione a New York è cresciuta del 9% a maggio, toccando il livello più alto dal 1997, secondo quanto riferito dal Dipartimento per il Lavoro dello Stato di New York. I prezzi degli appartamenti continuano a scendere.

Nel secondo trimestre, il prezzo medio di vendita si è ridotto del 18,5% rispetto all’anno precedente, scendendo a 835.700 dollari.

Il prezzo medio di rivendita è sceso invece del 25,6% rispetto ad un anno fa, a 725.000 dollari, ma è cresciuto del 7,4% rispetto al trimestre precedente.

In ogni caso, anche se inferiori di più della metà rispetto all’anno precedente, il numero delle vendite è aumentato del 28,2% rispetto al trimestre precedente, riporta Prudential.

“Acquirenti e venditori si stanno sfidando in un tiro alla fune” , ha detto l’AD di Corcoran Group, Pamela Liebman. “E’ molto chiaro chi ha vinto questo trimestre”.

Liebman ha aggiunto di aspettarsi una continua crescita del numero delle vendite nei prossimi sue trimestri.

Un rapporto del Corcoran Group e di Property Shark.com ha mostrato che il numero delle vendite è salito dal 10 al 15% rispetto al primo trimestre, e che le rivendite sono aumentate dal 30 al 35%.

“I prezzi sono già calati molo”, ha detto. “Credo che chi sta aspettando altre riduzioni percentuali a due cifre rimarrà molto deluso”.

Autore: Ilaria Jonas

Fonte: Reuters

http://borsaitaliana.it.reuters.com/article/businessNews/idITMIE5610BU20090702?sp=true

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: