Archivi Blog

Real estate in Cina: cosa succede a 8’000 km da noi in campo immobiliare

Cina, prezzi degli immobili saliti dell’1% annuo in luglio.

Boom di vendite immobiliari in Cina, Pechino teme una bolla

In Cina i prezzi degli immobili delle 70 città più grandi del Paese sono cresciuti dell’1% annuo in luglio dopo il +0,2% di giugno. Lo hanno reso noto la Commissione nazionale per lo sviluppo e la riforma e l’Ufficio nazionale di statistica. La crescita dei prezzi è l’effetto delle misure messe in campo dal governo di Pechino da ottobre per evitare un crollo dell’immobiliare. Nel dettaglio: + 0,3% per i prezzi di case nuove, +3% per quelle esistenti.

Le vendite immobiliari hanno subito una forte accelerazione in Cina da inizio anno e gli analisti cominciano a temere una bolla speculativa per il settore. In base ai dati diffusi dall’Ufficio nazionale di statistica tra gennaio e luglio le vendite del settore sono aumentate del 60,4% rispetto allo stesso periodo del 2008, con un più 65,3% per l’immobiliare residenziale. “Il mercato immobiliare è ormai entrato in un periodo critico e bolle compaiono in vari regioni” afferma all’Afp Qin Rui, analista dell’agenzia 5j5j. “A Pechino i prezzi delle case non sono più alla portata della maggior parte degli abitanti” aggiunge.

Fonte: Milano Finanza

http://www.milanofinanza.it/news/dettaglio_news.asp?id=200908101008383156&chkAgenzie=TMFI&sez=news&testo=&titolo=Cina,%20prezzi%20degli%20immobili%20saliti%20dell’1%%20annuo%20in%20luglio

http://www.milanofinanza.it/news/dettaglio_news.asp?id=200908101546476096&chkAgenzie=TMFI&sez=news&testo=&titolo=Boom%20di%20vendite%20immobiliari%20in%20Cina,%20Pechino%20teme%20una%20bolla

Annunci

Immobili con piscina: cresce la voglia del “tuffo sotto casa”

In Italia la concentrazione più alta di case con piscina si trova nelle Regioni della Toscana, della Lombardia e del Lazio. Il dato emerge da una ricerca a cura del portale di annunci immobiliari Immobiliare.it, ma la voglia di fare un tuffo sotto casa cresce in tutta Italia, visto che il trend delle costruzioni delle case con piscina registra un incremento del 17% rispetto allo scorso anno.

Il Portale Immobiliare.it ha altresì rilevato come le case con piscina nel nostro Paese si trovino in prevalenza negli hinterland metropolitani oppure nelle zone residenziali delle città. In otto casi su dieci, la piscina ha la forma classica, ovverosia quella rettangolare, ma non mancano i più “creativi” con piscine a forma di cuore con annessa scalinata.

Ma se la
villa con piscina non è per tutte le tasche, esistono anche soluzioni più a portata di tasca come quelle degli appartamenti dove la piscina è presente nell’ambito dei servizi condominiali; tale formula, in particolare, risulta essere ben diffusa negli appartamenti siti nelle località turistiche.

L’Amministratore Delegato del Gruppo
Immobiliare.it, Carlo Giordano, ha tra l’altro messo in evidenza come la presenza della piscina in un immobile sia in grado di far incrementare il suo valore nell’ordine del 9-11%, ragion per cui la costruzione della piscina, in funzione del relativo costo, può rappresentare un’opportunità di accrescimento del valore dell’immobile quando la vasca acquatica non è presente.

Fonte: Mutui.vostrisoldi.it

http://mutui.vostrisoldi.it/articolo/immobili-con-piscina-cresce-la-voglia-del-tuffo-sotto-casa/1795/

Fondo immobiliare, novità del Piano Casa

Il Piano Nazionale di Edilizia Abitativa, operativo con la prima disponibilità di 350 milioni di euro per la realizzazione di abitazioni per le fasce deboli e il cosiddetto sistema dei Fondi immobiliari, può rappresentare una concreta svolta per la realizzazione di abitazioni da offrire a famiglie in difficoltà e giovani coppie, ma anche ad anziani e studenti. La spesa rapida delle risorse integrate pubblico-private per programmi di edilizia sociale può determinare, nelle condizioni di crisi, una risposta al problema abitativo e la ripresa dei processi produttivi. L’Agci ritiene che la vera grande novità del Piano per l’Edilizia Residenziale Pubblica sia la creazione di un Fondo Immobiliare che con la prima tranche di 150 milioni di euro dovrà sostenere i vari fondi locali con la partecipazione di imprese, cooperative di abitazione ed enti locali e territoriali, unitamente alle Fondazioni bancarie. Tale strumentazione finanziaria si allinea a quella europea nell’edilizia sociale, con particolare riferimento al sostegno della casa in locazione. Nel Sud, dove è più forte la domanda abitativa, le Regioni e gli Enti locali, nell’utilizzo delle risorse finanziarie da assegnare dovrebbero prestare particolare attenzione ai giovani per favorire loro l’accesso alla casa. La rilevante e continua emigrazione degli ultimi anni dal Sud per mancanza di lavoro è aggravata dall’esclusione dal mercato della casa per i prezzi inaccessibili della locazione e dell’acquisto. E’ necessario e auspicabile iniziare ad eliminare ambiti di precarietà in cui si ritrovano i giovani oggi, cominciando ad offrire una casa a prezzi sostenibili.

Aldo Carbone

Presidenza nazionale Agci Abitazione con delega per il Mezzogiorno

Fonte: Denaro.it

http://www.denaro.it/VisArticolo.aspx?IdArt=571907

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: