Archivi Blog

Prontacasa rinnova il mercato immobiliare: vendite più rapide per gli agenti

Srdjan PerkicLa presentazione di un immobile in un mercato altamente competitivo come quello attuale è sempre più importante. per questo abbiamo incontrato Prontacasa.it che è la prima e principale realtà italiana nella realizzazione di planimetrie e render 3D destinati al settore immobiliare. I servizi hanno costi accessibili e le tempistiche sono ideali per aiutare gli agenti immobiliari vendite più rapide e redditizie.

Ecco cosa è venuto fuori dalla chiacchierata con il fondatore di Prontacasa.it, Srdjan Perkic.

Srdjan, in questi anni hai analizzato il mercato immobiliare. Perché pensi che gli strumenti che offrite siano fondamentali per gli agenti immobiliari?

Il mercato immobiliare italiano risente di una forte crisi determinata da un lato dalle contingenze economiche generali e dalle ricadute che queste hanno su un mercato che ha avuto una forte espansione in anni passati. D’altro canto, però, bisogna riconoscere come gli agenti immobiliari italiani non abbiano finora saputo adeguarsi alle richieste di un mercato più esigente con strumenti che mirino a vendere più facilmente gli immobili.

Se andato subito al dunque! Come si fa a vendere più velocemente gli immobili?

Per esempio, i più recenti studi dimostrano che oltre l’85% di chi cerca casa ritiene essenziali le planimetrie. Quanto si sono interrogati gli agenti immobiliari italiani su questo punto? Quanti hanno iniziato a promuovere la vendita tramite l’uso di planimetrie o altri strumenti più evoluti per dare un servizio mirato a clienti più esigenti? Prontacasa nasce proprio per rispondere a queste evoluzioni del mercato e per fornire agli agenti strumenti all’avanguardia.

Che risultati garantisce questo tipo di approccio?

Sarebbe meglio chiederlo non a me, ma alle oltre 1000 agenzie italiane che si sono rivolte a noi. Ci hanno rivelato di aver ottenuto una visibilità dei propri annunci 4 volte superiore e, fatto non trascurabile, di aver ottenuto il 30% di acquisizioni in esclusiva in più per i propri immobili. Questi sono fatti. E sono fatti che cambiano in modo netto l’operatività lavorativa di qualsiasi agente.

In realtà tu hai parlato di planimetrie, ma Prontacasa anche molti altri strumenti.

Certamente. Offriamo strumenti diversi perché vogliamo rispondere a esigenze diverse, tutte tarate sul mercato immobiliare. Prontacasa offre diverse soluzioni di planimetrie, ma anche render 3D di interni ed esterni o il 3D home staging che permette di rinnovare o riarredare un immobile digitalmente partendo da una semplice fotografia.

Immobili rinnovati o ricostruiti in digitale. Cosa ti ha spinto a sviluppare una gamma di servizi 3D per gli agenti immobiliari?

Troppo spesso gli annunci immobiliari propongono fotografie di ambienti potenzialmente promettenti, ma sacrificati a causa di un arredamento sbagliato, di interni vecchi o addirittura fatiscenti.

Come può allora il potenziale cliente capire tutte le potenzialità che questo immobile potrebbe offrire e decidersi all’acquisto? Quanti sono i clienti che riescono autonomamente a fare questo passaggio, rendendosi conto in autonomia di tutte le possibilità di una casa o di un appartamento quanto questo non viene presentato nel modo migliore?

L’agente immobiliare dovrebbe cambiare il modo di approcciarsi dei suoi clienti?

Certamente no. Non possono essere i clienti dell’agente a cambiare il modo di approcciarsi e di vedere un immobile, non è il loro lavoro e non gli si può chiedere di farlo. Devono invece essere gli agenti immobiliari e i costruttori a proporre i propri immobili nel modo più opportuno, aiutando i clienti a capire in modo immediato tutte le potenzialità di un immobile, indipendentemente dalle condizioni in cui questo versa.

Qual è quindi la soluzione per permettere ai clienti di capire veramente un immobile?

Che un immobile sia al grezzo, che abbia ancora all’interno l’arredo del bisnonno o mobili troppo vincolanti e particolari, io devo permettere al mio cliente di figurarsi già la sua casa dei sogni mettendo in risalto tutti i vantaggi e le potenzialità che questo immobile ha. Prontacasa offre a questo scopo strumenti specifici come il render 3D o il 3D home staging.

E cosa offrono in particolare il render 3D e il 3D home staging Prontacasa?

Noi offriamo realismo degli oggetti, profondità degli spazi, perfetta definizione della luce e, nel caso del 3D, estrema attenzione all’ambiente esterno. Il risultato è una definizione fotorealistica dei dettagli: il cliente non avrà difficoltà ad immaginare la sua casa e non vedrà l’ora di entrarci.

Ringraziando Srdjan per aver condiviso con noi queste sue idee utili a velocizzare i processi immobiliari, colgo l’occasione per ricordarvi il suo webinar gratuito del 29 aprile, durante il quale offrirà spunti e suggerimenti agli agenti immobiliari.

Clicca qui per iscriverti al webinar

A.R.

Annunci

Il marketing e il mercato. Ma il prodotto?

cartello vendesiQuando si parla di immobiliare è facile trovarsi in discussioni che vertano principalmente su marketing e mercato.

Di marketing se ne parla spesso e volentieri nelle sue varie e molteplici declinazione, che siano social network e new media, che siano portali e web, che siano pubblicazioni di settore e generaliste, il dibattito è  sempre centrato su quale possa essere il veicolo migliore di promozione immobiliare, il più innovativo ed efficace, senza che si giunga mai ad un risultato univoco, in quanto ogni cosa è utile ma niente è indispensabile e viceversa.

Il mercato, d’altro canto, è in crisi, soffre le difficoltà legate al problematico momento storico sociale politico ed economico, e quindi non è più attraente o affascinante come qualche anno fa, e forse sarebbe meglio cambiare mestiere, e di ricette e soluzioni manco a parlarne, perché tanto non ve ne sono se prima non cambia qualcosa (quanti in attesa di questo qualcosa che cambi?).

In tutto ciò, nelle diverse analisi, nei numerosi confronti e nei quotidiani grafici e diagrammi, spesso noto un grande quanto illustre assente: il prodotto.

La sensazione è quella che il prodotto nel settore immobiliare sia quasi secondario rispetto alla sua promozione e al mercato stesso. Eppure, in assenza di prodotto, parlare di marketing e di mercato è praticamente superfluo.

Quando parlo di prodotto, mi riferisco ai beni immobili che dovrebbero incontrare l’esigenza del pubblico a cui vengono offerti. Si può prescindere oggi dalla selezione di ciò che finisce sul mercato? Si può davvero pensare che sia sufficiente una campagna di marketing per vendere l’invendibile? Mi rendo conto che quando si parla di prodotto inteso come immobile si entra in un campo minato e, per i più, antipatico da affrontare, ma fa lo stesso.

“Il prezzo lo fa il venditore e l’acquirente o non ha risorse adeguate o vuole comprare l’impossibile…” questo è il leit-motiv di buona parte degli operatori coinvolti nel settore immobiliare “…mancano i soldi, mancano i mutui, mancano gli acquirenti.”

Domanda: non sarà che forse ci sono pochi immobili (rispetto alla massa enorme di quelli pubblicizzati) attualmente vendibili, e questi immobili sono sommersi, confusi, nascosti da una numero di offerte immobiliari fuori mercato?

I listini su cui tutti ci confrontiamo hanno scarso appeal verso il mercato, e deprimono le volontà di chi vorrebbe (e potrebbe) avvicinarsi all’immobiliare. Se ci fermassimo ad analizzare uno ad uno gli immobili che ogni singolo agente immobiliare ha nel proprio listino, ci renderemmo conto di quanto scarsa sia l’offerta disponibile, e di quanto sia dispendioso e poco redditizio investire in marketing su una mole di proposte tanto invendibili. La disponibilità media di un’agenzia immobiliare è di qualche centinaio di immobili, e spesso ciò con gran vanto dell’operatore. Pochissimi però sono quegli immobili che possono rispondere alle richieste di anche un singolo potenziale compratore, e questo non perché le richieste siano tutte assurde, ma perché l’attenzione a monte al prodotto semplicemente spesso non esiste. L’idea comune è che oggi bisogna avere tutto, e sperare che qualcuno compri tra quel tutto, magari perché affascinato da chissà quali tecniche di marketing miracolose.

Io credo invece che non sia più possibile vendere il ghiaccio agli eschimesi, e senza una selezione attenta del prodotto nulla potrà fare di un mediocre promotore un buon mediatore.

Se il settore riesce a rimettere al centro della propria attenzione il prodotto, forse avrà ancora senso parlare di mercato e di strategie di marketing.

L’agente immobiliare competente non ha timore di argomentare ad un venditore le regole del mercato attuale e di chiedergli piena fiducia per poter realizzare campagne di marketing efficaci e mirate, e, addirittura, di rifiutare un mandato scegliendo gli immobili su cui vuole lavorare su una disponibilità mai così elevata (non più tardi di qualche anno fa si faceva a gara per acquisire gli immobili migliori).

Se è vero come è vero che in questo momento è in vendita tutto, la cosa più semplice da fare è quella di prendere da questo tutto ciò che davvero riteniamo di poter proporre sul mercato, e investire soltanto su questa piccola parte in marketing e risorse in maniera attenta e matura.

A.R.

twitter @andrearussore

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: