Archivi Blog

News mercato immobiliare Romeno

Investimenti esteri in immobiliare romeno

Bucarest Giovedì 13 Agosto.

Nonostante il settore immobiliare sia in profonda crisi e le vendite siano attualmente quasi inesistenti, alcuni investitori esteri hanno annunciato diversi progetti di costruzione a Bucarest, scrive l´ICE.

Tra questi, il gruppo romeno Comfort Plus, dei fratelli Ion e Robert Negoita, la compagnia Gindi Rom, del gruppo Gindi Group, e la compagnia Avantia, appartenente al consorzio spagnolo Preyber. L´investimento totale del gruppo romeno Comfort Plus sarà pari a circa 160 milioni di euro, riguarderà la costruzione di circa 3.500 abitazioni su un appezzamento di 10 ettari e si svolgerà in varie fasi nel corso di un periodo di 3-5 anni.

Il progetto della società israeliana Gindi Rom invece, presente per la prima volta sul mercato romeno, mira a sviluppare un complesso residenziale nel “settore 3” di Bucarest, composto da quattro edifici con 320 appartamenti. La compagnia spagnola Avantia, già presente sul mercato romeno, inizierà un progetto nella zona Liviu Rebreanu di Bucarest riguardante la costruzione di un edificio con 110 appartamenti, con spazi commerciali al piano terra ed uffici al primo piano.

Romania, settore immobiliare

Bucarest Giovedì 6 Agosto.

Nei primi sei mesi dell´anno sono state rilasciate in Romania 23.864 autorizzazioni alla costruzione di edifici residenziali, con un calo del 18,8 per cento rispetto allo stesso periodo del 2008, secondo un comunicato stampa diffuso dall´Istituto Nazionale di Statistica, ripreso da Seeurope.

Le contrazioni più significative sono state registrate nelle regioni di Bucarest-Ilfov, con un calo di 1.652 autorizzazioni, di Centro e Sud Muntenia (-783 ciascuna), e del Nord-Ovest (-651). Nel mese di giugno sono state rilasciate 4.747 autorizzazioni, con un incremento del 6,1 per cento rispetto a maggio, ma con una diminuzione del 22,6 per cento rispetto a giugno 2008. Di queste 4.747, il 65,5 per cento riguardano aree rurali, lasciando invariato il trend del mese precedente.

La distribuzione a livello regionale mostra un trend  di crescita delle autorizzazioni rilasciate per la costruzione di edifici  residenziali in quasi tutte le regioni sviluppate: tra queste, Sud-Muntenia (+178), Nord-Est (+87), Nord-Ovest (+68) e Sud-Ovest Oltenia (+61). Una diminuzione è invece stata osservata nelle aree di Bucarest-Ilfov (-170) e dell’Ovest (-6).

Autore: Marcello Berlich

Fonte: http://euregion.net/index.php?option=com_content&task=view&id=9336&Itemid=35

Fonte: http://www.portalino.it/nuke/modules.php?name=News&file=article&sid=38481

Annunci

Interior Relooking: arriva la ristrutturazione d’interni low cost

In tempi di crisi anche le ristrutturazioni possono diventare un lusso. Soprattutto quando le consulenze degli architetti si tramutano in parcelle non proprio alla portata di tutti. E così un gruppo di giovani creativi milanesi ha avuto un’idea brillante: l’architettura d’interni low cost.
Il progetto si chiama Interior Relooking (www.interior-relooking.it): in 10 giorni e con un minimo rimborso spese, una squadra di esperti «ribalta» case e ambienti di lavoro a partire dalle indicazioni del committente. Tutta l’operazione si svolge online: si inviano richiesta e piantine via posta elettronica, si paga un contributo di 50 euro per ogni locale sul quale è richiesta la consulenza e si riceve una proposta di rinnovamento da disegni, rendering, suggerimenti sui colori, materiali, arredi e dettagli.
Un particolare non trascurabile è l’idea di mettere su un vero e proprio laboratorio creativo: Interior Relooking, infatti, investe i propri ricavi per permettere al suo staff di girare il mondo ed essere sempre aggiornato sulle nuove tendenze. Il progetto si rivolge sia a privati sia a costruttori e si può utilizzare per ambienti già esistenti o per case in costruzione. Una delle prime realtà imprenditoriali che ha aderito è la società di costruzioni Erif Real Estate di Legnano che ha affidato la progettazione degli interni all’equipe di Interior Relooking. «I prezzi sono contenuti per via della velocità di risposta, ma anche perché i lavori proposti sono vivaci, frizzanti, innovativi. In questo modo ogni nostro appartamento nuovo può assumere un aspetto unico e può veramente essere adattato al singolo cliente», ha commentato Luigi Barbato, presidente di Erif Real Estate.

Autore: Gian Maria De Francesco

Fonte: Il Giornale

http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=368293

Case, CCIAA: -20% vendite rispetto 2008 ma i prezzi non cambiano

A Milano si vendono sempre meno case: 1.000 in meno nel primo semestre del 2009 rispetto allo stesso periodo del 2008, con un calo del 20,3 per cento. Colpa della stretta creditizia, che spaventa soprattutto i piccoli e medi acquirenti, interessati a immobili di medio valore, ma anche dei prezzi che, nonostante la crisi, non calano. E’ il bilancio dell’ultima rilevazione della Borsa immobiliare della Camera di Commercio di Milano. Presentata questa mattina a Palazzo Turati, parla di un crollo delle vendite di un terzo negli ultimi due anni, pari a -36 per cento. Ma registra anche una sostanziale stabilita’ dei prezzi che, negli ultimi sei mesi, hanno registrato una flessione media dello 0,2 per cento. Un dato che il presidente della Borsa immobiliare, Antonio Pastore, attribuisce ai tanti cantieri di pregio in progetto: “In citta’ – spiega – i prezzi si mantengono stabili soprattutto nelle zone interessate dai nuovi progetti di sviluppo e trasformazione urbana e dagli investimenti immobiliari in vista di Expo 2015, mentre diminuiscono in provincia”. Comprar casa a Milano costa, in media, 3.637 euro al metro quadro e affittarla circa 176 euro. Prezzi che spaventano gli intenzionati a metter su casa, sempre piu’ propensi a rimandare l’acquisto e a prendere un appartamento in affitto, un mercato che “in questi mesi – spiega ancora Pastore – ha conosciuto una buona ripresa”.

Fonte: Il Giornale

http://www.ilgiornale.it/a_omni.pic1?ID=milano&ARTICOLO=24577

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: