Archivi Blog

Risoluzione Agenzia delle Entrate del 5.10.2010: La “prima casa” si estende ad una sola pertinenza

La cessione della seconda pertinenza di un immobile abitativo oggetto di agevolazione prima casa sconta l’IVA con aliquota al 10%: la pertinenza acquista per attrazione la natura di immobile abitativo ma, data la normativa sulla prima casa, che consente di agevolare una sola pertinenza per ciascuna categoria catastale tra C2, C6 e C7, alla cessione della seconda pertinenza non può applicarsi l’aliquota del 4%.
Lo ha chiarito l’Agenzia delle Entrate con la risoluzione n. 94/E/2010, che illustra il corretto trattamento fiscale da riservare, ai fini IVA, alla cessione della seconda pertinenza di un immobile abitativo, oggetto di agevolazione prima casa, al cui servizio è già posto un altro immobile della medesima categoria catastale (nella specie, si tratta di autorimesse – categoria catastale C6).
La pertinenza acquista per attrazione la natura di immobile abitativo ma – data la normativa sulla prima casa, che consente di agevolare una sola pertinenza per ciascuna categoria catastale tra C2 (magazzini e locali di deposito), C6 (autorimesse, stalle, scuderie) e C7 (tettoie chiuse o aperte) – alla cessione della seconda pertinenza non può applicarsi l’aliquota del 4%.
La seconda pertinenza, pertanto, deve essere trattata come un fabbricato abitativo diverso dalla prima casa e la relativa cessione in regime di imponibilità IVA comporta l’applicazione dell’aliquota agevolata del 10%.

Autore: Avv. Massimo Chimienti

Modica: la crisi butta giù i prezzi delle case in affitto, buoni contratti in tutte le zone

Modica: il mercato immobiliare si adegua ai tempi di “vacche magre”

Nelle contrade Quartarella, Pirato, Mauto, nell’area commerciale, a Marina di Modica e nella zona industriale Asi, occorrono 400 euro al mese, 350 se i locali non sono arredati

In tempi di crisi, anche i prezzi di locazione degli appartamenti nelle cosiddette «zone di pregio» subiscono un ritocco. Ovviamente al ribasso. E così, per prendere in affitto un trilocale arredato a Modica centro, nelle contrade Quartarella, Pirato, Mauto, nell’area commerciale, a Marina di Modica e nella zona industriale Asi, occorrono 400 euro al mese, 350 se i locali non sono arredati.

Rispetto agli anni passati, si registra un ribasso medio di almeno 200 euro e, in alcuni casi, vedi ad esempio le aree residenziali, anche di 300. Da notare poi che la somma di locazione mensile, 350-400 euro, non cambia molto da zona a zona. Si palesa anche in questa scelta la nuova politica delle locazioni. A realizzare una fotografia del mercato delle locazioni nel comune modicano è una nuova agenzia immobiliare di via Sacro Cuore, leader nel settore.

«In zona di pregio – afferma Silvia Spronelli, presidente dell’agenzia – i canoni di locazione variano di poco, al fine di rendere sempre più trasparente l’offerta e, al contempo, facilitare il cliente nella scelta dell’abitazione. Fermo restando che il prezzo di locazione è pressoché identico – aggiunge la Spronelli – i clienti possono concentrarsi sull’aspetto generale della zona in cui potrebbero andare a risiedere, unitamente alle caratteristiche dell’appartamento, per le quali invece il prezzo cambia in maniera sostanziale». Se si cerca un bilocale, arredato o meno si pagano sempre 300 euro mensili. Per un quadrilocale l’affitto sale a 450 euro se arredato, 400 in assenza di mobili. Chi è alla ricerca di un monolocale arredato spende invece mediamente 250 euro al mese.

I canoni di affitto scendono per gli immobili nella zona intermedia: Modica sorda, Modica alta, quartiere d’Oriente, Michelica e Maganuco, dove un trilocale arredato comporta una spesa mensile di 350 euro. Un bilocale arredato costa invece 250 euro al mese. Lieve differenza di canone tra un quadrilocale non ammobiliato e uno già arredato: 350 euro nel primo caso, 370 nel secondo. Non si registrano differenze marcate neanche nelle tariffe di locazione delle zone economiche dei quartieri Vignazza e Cartellone, delle frazioni rurali di Frigintini, Zappulla e Montesano e della contrada Fiumara. Occorrono, infatti, 300 euro al mese per un trilocale e 200 euro per un bilocale. Si fa eccezione per gli immobili più ampi: 350 euro mensili per affittare quattro locali arredati, 320 euro per gli stessi vani privi di mobili.

«La nuova agenzia di Modica – aggiunge Silvia Spronelli – rientra in un piano di espansione territoriale che ci porterà ad essere presenti in tutta Italia e anche all’estero, con l’obiettivo di raggiungere i 600 punti vendita, che andranno ad aggiungersi ai due di Palermo e agli altri due divisi tra Catania e Trapani. E’ già stata pianificata – conclude la Spronelli – anche l’apertura di altre 2 nuove agenzie a Catania e Ragusa perché, nonostante la crisi, il mercato immobiliare resta tra i più effervescenti, con i dovuti ritocchi».

Autore: Antonio di Raimondo

http://corrierediragusa.it/public/articoli/6695-la-crisi-fa-scendere-i-prezzi.asp

Scompaiono i portinai, resistono solo nei palazzi di pregio

ROMA – Scompaiono i portinai: resistono in 3 case (di pregio) su 10 e soprattutto a Roma, Milano e Napoli. Questa ‘carenza’ è registrata da Immobilare.it, specializzato in annunci di settore. Soprattutto nelle grandi città – spiega una nota – le portinerie stanno progressivamente scomparendo.

Resistono per lo più nei palazzi prestigiosi dei centri, in Italia si stima che solo il 37% degli immobili a uso abitativo con più di 15 unità, sono dotati di portineria. Complessivamente, nel nostro Paese, ci sono circa 90.000 stabili residenziali dotati di portineria, un numero in flessione del 15% rispetto a soli 3 anni fa, con città come Genova e Torino in cui la percentuale scende addirittura del 20% nello stesso arco di tempo. In generale, sono gli immobili più costosi e di maggior qualità a offrire ancora questo servizio.

In media, infatti, le unità abitative che hanno un costo del 20-25% superiore alla media offrono sempre un servizio di portineria. Spesso accade però, anche negli edifici di valore, che i locali un tempo destinati alla portineria vengano cambiati di destinazione e trasformati in uffici oppure negozi. In questa maniera, si ricaverà da uno spazio destinato a non essere utilizzato un locale di notevole valore. Se si esaminano più da vicino le tre città campione, Roma, Milano e Napoli, si vede che nella capitale si piazza al primo posto per il numero di portinerie presenti negli stabili abitativi in centro città, con il 45% degli immobili, nonché per quelli destinati a uso ufficio, con una percentuale che schizza addirittura all’83%.

Segue a ruota Milano, con il 43% delle abitazioni centrali provviste di portineria e ben l’81% degli uffici. Ruoli invertiti se invece consideriamo le periferie: Milano balza al primo posto con il 13% degli immobili civili provvisti di portineria e con il 71% di quelli commerciali, mentre Roma scivola al secondo, con il 10% degli stabili abitativi e il 63% di quelli adibiti a ufficio. Infine, al terzo posto c’é Napoli, che nelle zone centrali della città presenta una concentrazione del 33% di edifici a uso abitativo serviti di portineria. Il dato è di gran lunga superiore per gli immobili commerciali, il 77% di quelli situati nelle vie più centrali ha uno spazio destinato alla portineria. In periferia, invece, la percentuale degli uffici scende al 55% mentre è presente solo nel 9% delle abitazioni. La voglia di portineria torna però a farsi sentire soprattutto in estate, quando lasciare l’alloggio per due o tre settimane desta qualche senso di insicurezza, e in particolar modo tra gli anziani, per i quali spesso il portinaio rappresenta il più immediato punto di appoggio. La figura del portinaio è peraltro cambiata nell’ultimo periodo: se originariamente infatti aveva la disponibilità di un alloggio a fianco della portineria ed effettuava anche un servizio di pulizia, oggi accade spesso che non viva nemmeno più all’ interno del palazzo, ma si limiti a prestare un servizio di vigilanza nei giorni feriali, per circa 8 ore al giorno (o per mezza giornata).

Fonte: Ansa.it

http://www.ansa.it/opencms/export/site/notizie/rubriche/altrenotizie/visualizza_new.html_1623184796.html

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: