Archivi Blog

Be Curious

be curiosRicapitolando, lo spread è sotto controllo, l’IMU (almeno per qualche mese) non fa paura, hanno rinnovato il bonus ristrutturazione, e l’Estate è alle porte. Tutto sommato, non va poi così male, al punto che è forse meglio aspettare di vedere come evolveranno le cose, e, magari, a settembre decidere sul da farsi. Già, a settembre, più in là, insomma, poi.

Un post di qualche tempo fa che ho rilanciato di recente ha suscitato molti commenti di chi non si sente affatto in stand by, anzi. Ciascun commento “risentito” mi ha fatto piacere, ma mi ha lasciato in attesa di qualcuno che prendesse la parola per difendere la politica attendista, tipica di chi vivacchia, e ancor di più di qualcuno che chiedesse cosa si possa fare per superare questo momento.

Io non ho intenzione di entrare nel merito delle scelte, anche perché ogni scelta che facciamo genera dei risultati che la misurano, ma mi sento di invitare ad essere curioso chi non ha voglia di aspettare settembre, o, che smetta di piovere, chi non soffre della sindrome del “ci penserò domani”.

Be Curious potrebbe essere una buona parola d’ordine per capire meglio ciò che davvero accade.

Be Curious significa essere disposti ad ascoltare, a confrontarsi, a capire, piuttosto che chiudere gli occhi, tapparsi le orecchie, e sminuire gli sforzi e i tentativi di chi vuole guardare avanti.

La curiosità è la capacità di rovistare nel futuro attraverso le esperienze altrui, è la dote di chi non vive di pregiudizi e di rassegnati preconcetti.

La curiosità è la spinta che porta alle innovazioni e al miglioramento.

Chi è curioso ha la capacità di guidare il cambiamento.

Nel settore immobiliare, oggi, essere curiosi permette di conoscere e applicare strumenti differenti, di studiare e migliorare metodi e operatività, consente di trovare il giusto tempo da dedicare ad ascoltare idee nuove, per affrontare il mercato in maniera non moderna, ma, semplicemente, contemporanea.

Bisogna prendere confidenza con una realtà che è sempre più competitiva e veloce. Avere dimistichezza con termini come Mls, Open House, Web Marketing, Home Staging, Interior Relooking, e molti altri, significa non vederli più come oggetti misteriosi da evitare, ma strumenti di lavoro da imparare a usare, se non si vuole rimanere ai margini di un mercato per il quale invece saranno sempre più indispensabili.

Ecco, sarà per questo motivo se quando incontro un agente immobiliare che mi chiede di saperne di più su come funziona, ad esempio, un Open House, sorrido felice, forse perché in quel preciso istante mi rendo conto di avere davanti una persona curiosa, e, cosa nota, la curiosità è sempre sintomo di intelligenza.

Be Curious, Be Intelligent.

A.R.

twitter @andrearussore

Annunci

Il Bonus Ristrutturazione: Detrazione Fiscale del 36%

Chi acquista un immo­bile ristrut­turato da imp­rese e coop­er­a­tive edilizie può ben­e­fi­ciare del bonus ristrutturazione.

Il “bonus ristrut­turazione”, ossia la detrazione fis­cale del 36%, è stato esteso all’acquisto o all’assegnazione di abitazioni facenti parte di fab­bri­cati intera­mente ristrut­turati da imp­rese e coop­er­a­tive edilizie.

L’assegnatario o acquirente dell’unità immo­bil­iare (con con­tratto notar­ile stip­u­lato entro il 30 giugno dell’anno suc­ces­sivo a quello di con­clu­sione degli inter­venti) può fruire della detrazione Irpef del 36%, cal­co­lata su un importo for­fet­tari­a­mente deter­mi­nato nel 25% del prezzo dell’unità immo­bil­iare (sem­pre nel lim­ite mas­simo di 48.000 euro).

Il ben­efi­cio va ripar­tito in 10 rate annu­ali di pari importo; tut­tavia, i con­tribuenti di età non infe­ri­ore a 75 e 80 anni pos­sono scegliere di sud­di­videre la detrazione, rispet­ti­va­mente, in 5 e 3 quote. Per la sua fruizione (che, si ram­menta, è sub­or­di­nata a ristrut­turazioni edilizie coin­vol­genti l’intero fab­bri­cato e non solo una sua parte, anche se ril­e­vante), non sono nec­es­sarie né la trasmis­sione del mod­ulo di comu­ni­cazione al Cen­tro oper­a­tivo di Pescara né l’effettuazione dei paga­menti medi­ante bonifico. Con la legge Finanziaria 2008 è stato esteso l’ambito applica­tivo fino a com­pren­dere gli inter­venti ese­guiti dal 1° gen­naio 2008 al 31 dicem­bre 2012, su immo­bili asseg­nati o ven­duti entro il 30 giugno 2013.

Fonte: Agenzia delle entrate

Da: Attico.it

A cura di: Anna Carbone

http://news.attico.it/2011/02/07/il-bonus-ristrutturazione-detrazione-fiscale-del-36/

 

Leggi anche

Obbligo di Certificazione Energetica nelle Compravendite Immobiliari

Case Abusive

Certificato di Destinazione Urbanistica

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: