Archivi Blog

In Thailandia aumentano i Condomini di Lusso

Al dispetto della Crisi aumentano gli Immobili di alto livello

Secondo un report di Jones Lang LaSalle lo stock degli immobili di lusso disponibili a Bangkok è in crescita. Alcuni analisti pensano che la crisi presto colpirà anche la Thailandia, ma indicatori e passate esperienze suggeriscono che il Paese possa assorbire il colpo e alla luce anche della situazione economica e politica attuale non risentire troppo di eventuali scossoni in campo immobiliare. Anche se molte sono ancora le incognite.

Andrea Russo

Thailand Real Estate – Bangkok luxury condos to rise in 2011

A Jones Lang LaSalle Thailand (JLL) report says that a slew of high-end condominium projects will launch in Bangkok this year, bringing the total stock to 22,834. According to the company’s managing director Suphin Mechuchep, luxury condo developers are now more confident in both local and the world economies. Several projects postponed their launches last year due to political instability and a lack of confidence in economies

A Jones Lang LaSalle Thailand (JLL) report says that a slew of high-end condominium projects will launch in Bangkok this year, bringing the total stock to 22,834.

According to the company’s managing director Suphin Mechuchep, luxury condo developers are now more confident in both local and the world economies. Several projects postponed their launches last year due to political instability and a lack of confidence in economies.

As reported in the Bangkok Post newspaper, average prices of new high-end projects are expected to increase at least 5 per cent due to a rise in land and construction costs.

She said that the renewal of demand from overseas buyers would also help increase the number of high-end launches in 2011.

According to JLL research, the newly launched condominium units in central Bangkok and priced around THB150,000 (US$4,860) psm were 1,180 last year, dropping from 2,300 in 2009. Newly completed units were down to 2,678 from 3,589 during the same period.

The report also says that around 1,894 units in the high-end segment will be completed within this year, while the total stock of luxury condos will rise to 22,834 this year, from 20,940 units in 2010 and 18,262 in 2009.

As reported in the Bangkok Post newspaper, average prices of new high-end projects are expected to increase at least 5 per cent due to a rise in land and construction costs. Last year, they dropped from THB162,000 (US$5,250) psm to THB155,000 (US$5,020) when developers adjusted their products to fit demand at the time.

Here is the original post:
Bangkok stock of luxury condos to rise to 22,834 in 2011

Thailand Property market

There are so many positives to publicise and be proud of, from the continued strong fundamentals of the Thai economy (which are the envy of most Western countries) to the spirit shown by Bangkok’s residents in coming together to clean up Ratchaprasong in the days after the protests.

Some observers are concerned that the global financial crisis may affect the Thai real estate market. Generally, a real estate bubble occurs when property prices rise quickly in a short period, primarily from speculation – resulting in a supply-and-demand imbalance. When property prices are rising faster than the cost of money and banks continue increasing loan-to-value ratios, funding becomes easier – propelling additional speculation.

Bangkok stock of luxury condos to rise to 22,834 in 2011. As reported in the Bangkok Post newspaper, average prices of new high-end projects are expected to increase at least 5 per cent due to a rise in land and construction costs.

The completion of the Suvarnabhumi-Bangkok International Airport has spurred growth in commercial property markets in eastern Bangkok as well as in the beach resort of Pattaya. Thailand has become even more accessible by air with a wide range if International carriers using Bangkok as a hub. In recent years, there has also been a surge in budge carriers, offering very competitive prices to both local and international destinations.

Compared to 1997 Real estate companies are able to respond much more quickly to changes

Thailand’s property market was able to rebound from past crises and there is every reason to believe it will be able to absorb the blow of recent political tensions. The taxation situation has actually improved the conditions for purchasing property in Thailand, and if property prices do dip slightly as a result of the current situation it may actually be a good time to buy as there is a very real possibility Thailand property will regain its golden outlook soon. As a result, the financial condition of most major housing developers in Thailand is much more robust than in the past. The development of the local bond markets and increasing domestic savings has the made the industry much less dependent on foreign funds, a significant difference from 1997.

The real demand for residential real estate stems from local residents and foreigners living or working in Thailand. The latter group will definitely be affected by the weak global economy but what about local Thai residents? The Thai domestic economy will also be adversely affected by the crisis, especially the export sector.

da: Thailand-business-news.com

http://thailand-business-news.com/real-estate/29085-thailand-real-estate-bangkok-luxury-condos-to-rise-to-22834-units-in-2011

Leggi anche

Acquisti Immobili: ecco la Città Europea preferita per gli Investimenti

A soli 21 anni macina utili con la Speculazione Immobiliare

Francia: I Permessi per Costruire sono aumentati del 15% nel 2010

Notizie dal Mercato Immobiliare dal Brasile, Regno Unito, Slovacchia e Australia

Ecco le Case Più Pazze del Mondo

Polonia, i Prezzi delle Case iniziano a crescere

The World non è morto, è solo in coma.

Manhattan Fuori dallo Stallo Immobiliare?

Le ultime dal Mercato Immobiliare di Milano

Cina, arriva la Tassa sulla Casa

Notizie Immobiliari dagli USA

Mercato Immobiliare: è il momento giusto per Comprare negli USA?

Emirati Arabi, nuove Norme sulla Proprietà Immobiliare

Il Mercato Immobiliare punta su Milano: è meglio di New York

La rinascita di Times Square

E i ricchi Americani preferiscono l’Affitto!

La casa più cara al Mondo: 1 miliardo di dollari!

Comprare a Parigi? Si, ma solo a prezzi folli!

Ecco chi è lo Straniero che Compra Casa in Italia

Focus sul Mercato Immobiliare Internazionale

Real Estate: segnali positivi da Manhattan

San Paolo-Rio, Rivoluzione Immobili

Prezzi Case, forti cali nell’Immobiliare spagnolo

Case al mare la crisi non c’è. Milano Marittima è la più cara

A New York il primo Grattacielo Italiano

Hotel Armani, a Dubai prezzi giù per la crisi

Hong Kong: boom dell’Immobiliare di Lusso

Una Casa all’Estero, il nuovo ‘sogno russo’ della classe media

Cina/Banca Mondiale: Segnali di ‘bolla’ nel settore immobiliare

In 2010 crescita cinese al 9%, superiore media mondiale al 2,7%

Roma, 21 gen. (Apcom) – La Banca mondiale manda segnali di preoccupazione per l’economia cinese. Nella Rapporto sulle previsioni economiche, il direttore responsabile della divisione sulle tendenze economiche, Andrew Burns, ha riferito di percepire “segnali di bolla” per l’economia cinese in particolare nel settore immobiliare. Segnali che, secondo il Rapporto, sono a conoscenza delle autorità di Pechino. La Banca mondiale prevede che nel 2010 la crescita cinese sarà pari al 9%, molto superiore alla media mondiale che si attesterà al 2,7%. Già dal settembre scorso, il presidente della Banca mondiale, Robert Zoellick, aveva avvertito del “sorgere di nuovi pericoli” a causa dell’eccezionale crescita del credito in Asia e in particolare in Cina mentre a novembre aveva parlato di “rischi” di bolle finanziarie a Pechino. (Con fonte Afp) 

Fonte: WallStreetItalia.com

http://www.wallstreetitalia.com/articolo.asp?art_id=852447

Immobiliare: C&W, crisi colpisce vie dello shopping, tiene Milano

Immobiliare: C&W, crisi colpisce vie dello shopping, tiene Milano. La Fith Avenue di New York si conferma la piu’ costosa

(Il Sole 24 Ore Radiocor) – Milano, 05 ott – La crisi ha colpito anche le piu’ prestigiose vie dello shopping. Il tradizionale rapporto della societa’ di consulenza immobiliare Cushman & Wakefield sui canoni d’affitto delle strade piu’ prestigiose evidenzia come il 54% delle 274 vie monitorate abbia registrato una flessione delle locazioni. La Fith Avenue di New York si conferma la meta’ piu’ cara per le attivita’ commerciali con 13.027 dollari l’anno al mq anche se in calo dell’8,1% rispetto allo scorso anno. Secondo posto per Causeway Bay a Hong Kong che ha ceduto il 15,1% a 11.687 dollari al mq. Tengono gli Champs Elysees a Parigi stabili a 7.732 euro al mq. Via Montenapoleone a Milano resta al quarto posto con una media di 6.800 dollari al mq, in progresso dell’1,5%. Le altre vie italiane considerate nella speciale classifica di Cushman & Wakefield sono le milanesi via della Spiga, ferma a 4.700 dollari al mq e Corso Vittorio Emanuele, +2,2% a 4.600 dollari al mq. A Roma, via Condotti guadagna il 4,8% a 6.500 dollari al mq, via del Corso e’ stabile a 3.700 dollari mentre via Cola di Rienzo cede il 6,7% a 2.800 dollari. A Torino via Roma arretra del 5,6% a 1.700 dollari mentre a Bologna Galleria Cavour perde il 5,7% a 1.700 dollari. Guardando alla classifica globale, Kaufingerstrasse a Monaco di Baviera e’ stata la via con la percentuale di crescita piu’ alta fra le prime dieci, passando dal dodicesimo al nono posto con un incremento dei canoni del 7,1%. In Irlanda Grafton Street a Dublino, invece, e’ stata la via che ha registrato la diminuzione piu’ significativa della classifica scendendo dal quinto all’ottavo posto con una caduta dei canoni pari al 22,5%. A livello globale l’incremento maggiore dei canoni e’ stato registrato a San Paolo in Brasile, dove gli affitti nelle vie Alameda Lorena e Iguatemi Shopping sono aumentati rispettivamente del 111% e del 79,3%. In Asia, nel distretto degli affari di Ho Chi Minh in Vietman si e’ avuto il piu’ alto incremento, pari al 50% mentre l’aumento piu’ alto in Europa si e’ avuto a Rue St Catherine a Bordeaux, in Francia, con un tasso di crescita del 17,6%. A livello globle la flessione maggiore si e’ registrata a Mumbai dove Colaba Causeways ha registrato una flessione del 63,5%. Nelle Americhe, a Rio de Janeiro il Sao Conrado Faschion Mall ha perso il 53,4% mentre in Europa Calea Victoriei a Bucarest ha avuto una flessione del 48,1%. “Gli ultimi 12 mesi – ha spiegato John Strachan, responsabile globale del retail in Cushman & Wakefield – hanno rappresentato in assoluto uno dei periodi piu’ difficili per il settore retail con una contrazione dei consumi e delle vendite molto significativa in molti mercati”. “Le buone notizie – ha proseguito – sono che il peggio sembra essere passato. Nella maggior parte dei mercati la ripresa economica si e’ avviata e di alcune nazioni chiave per l’economia, come la Germania, si puo’ dire che siano fuori dalla recessione. Sicuramente alcuni mercati nel corso del prossimo anno continueranno a subire gli effetti della crisi, ma ci aspettiamo di assistere ad un significativo ritorno verso un’area positiva”. La ripresa non dovrebbe ancora toccare l’Italia su cui C&W mantiene un giudizio cauto. Nel 2009 gli affitti dei negozi sono scesi del 2,5% con cadute piu’ significative nelle citta’ medie mentre hanno tenuto Roma e Milano.

Fonte: Lineaedpedppmi.it

http://www.lineaedppmi.it/01NET/HP/0,1254,14_ART_9014483884,00.html?lw=10012;5

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: