Archivi Blog

“Il mercato immobiliare non risponde al modello domanda/offerta”

I Nobel dell’economia e l’irrazionalità del mercato

Detto così sembra un azzardo. ma la frase è del premio Nobel dell’economia Paul Krugman: il mercato immobiliare non rientra nel classico paradigma della domanda e dell’offerta, nel quale i prezzi salgono o scendono così rapidamente da garantire che chiunque voglia vendere trovi qualcuno intenzionato a comprare.

La frase di Krugman è contenuta in un interessante articolo tradotto oggi da Il Sole 24 Ore, in cui commenta il nuovo premio Nobel all’economia, concesso quest’anno a Diamond, Mortensen e Pissarides. I tre studiosi hanno ottenuto l’ambito riconoscimento per delle importanti teorie sul mercato del lavoro.

Krugman esporta il modello dei tre studiosi dal mondo del lavoro a quello immobiliare, giudicando che hanno un elemento importante in comune: entrambi sono composti da operatori eterogenei e occorre tempo e impegno per trovare l’abbinamento più conveniente.

In pratica questo è il messaggio: il prezzo di mercato di una casa non esiste di per sé. Esiste un venditore con delle esigenze e dei vincoli. Può essere un ricco proprietario senza fretta di vendere. Può essere una famiglia che sta per avere un nuovo figlio e deve cercare in fretta una casa più grande. Può essere un lavoratore che ha perso il lavoro e non può più fare fronte al mutuo. e allo stesso tempo ogni acquirente ha le proprie caratteristiche.

Può avere un capitale da investire. Può richiedere un mutuo. Magari riceverà dalla banca un prestito inferiore a quello che desidera.

Questo vuole dire che gli attori del mercato immobiliare non sono tutti uguali ed ognuno deve trovare “la propria anima gemella”. Ogni compravendita è una storia a sé, che si risolve nell’incrocio tra una singola domanda ed una singola offerta, in un contesto di mercato, determinato soprattutto dalla disponibilità di credito, che orienta le singole scelte, ma non le determina del tutto.

Fonte: Idealista.it

http://www.idealista.it/news/archivio/2010/10/12/013198-il-mercato-immobiliare-non-risponde-modello-domandaofferta

Annunci

Va di nuovo all’asta Serpentara, l’isola sarda inedificabile

Terzo tentativo di vendita, si parte da 600mila € . Ma i vincoli di inedificabilità scoraggiano

Nessuno vuole Serpentara. L’isolotto davanti alle spiagge di Villasimius, nel sud-est della Sardegna, che deve al suo nome alle coste rocciose e alla sua forma, lunga e sinuosa, sarà messa all’asta martedì per la terza volta dal Tribunale civile di Cagliari. Paradiso granitico di 134 ettari, è però assolutamente inedificabile, in quanto fa parte di un’Area marina protetta. La base d’asta è di 600 mila euro. Troppo, evidentemente, perché un privato possa farsi avanti senza intravedere alcuna possibilità di business. Così le due aste precedenti sono andate deserte: nessun acquirente. Nemmeno il Comune di Villasimius, che pure nell’aprile scorso durante un affollato Consiglio comunale aveva affrontato l’argomento deliberando di essere interessato all’acquisizione. «A mio modo di vedere – commenta il sindaco Tore Sanna – la soluzione ideale è che l’isolotto, attualmente di proprietà di una società immobiliare romana dichiarata fallita, sia ceduto anche attraverso una trattativa diretta alla Regione Sardegna e che quest’ultima poi lo faccia gestire dallo stesso ente che gestisce il resto dell’area marina protetta. In questo modo si potrebbe tutelare al massimo il patrimonio avifaunistico, ma anche restaurare l’importante torre spagnola di San Luigi, risalente al 1700 e ormai fatiscente, e ancora il fortino-bunker della seconda guerra mondiale».
TERRA DI CONQUISTA – Intanto, alla vigilia dell’asta, Serpentara è diventata terra di conquista. L’indipendentista Doddore Meloni, dopo aver occupato un’altra isola della Sardegna messa recentemente in vendita, Mal di Ventre, ed essersi autoproclamato presidente della repubblica dell’isola, sabato, assieme a un gruppo di militanti, ha occupato anche Serpentara, annunciando che ci sarebbe una cordata di imprenditori locali pronta ad acquistarla con l’aiuto delle banche sarde o attraverso la creazione di una Spa ad azionariato diffuso. «A quel prezzo – sottolinea l’ambientalista Stefano Deliperi, del Gruppo d’Intervento Giuridico e Amici della Terra – è difficile che acquisti un privato, visto che non si può mettere nemmeno un mattone. Ad acquisirla dovrebbe essere la Regione attraverso quell’Agenzia della Conservatoria delle coste sarde avviata dalla Giunta guidata da Renato Soru e oggi piuttosto sotto traccia con l’attuale Amministrazione regionale di Ugo Cappellacci»

Fonte: Corriere.it

http://www.corriere.it/cronache/10_gennaio_18/isola-serpentara-asta_fb6e4d7e-0462-11df-9eeb-00144f02aabe.shtml

Agente immobiliare corretto e professionale cercasi

Chi cerca o vende casa spesso decide di rivolgersi all’assistenza di un’agenzia immobiliare. Nella Provincia di Monza e Brianza sono centinaia e centinaia le persone che esercitano questa attività in grandi franchising o singole agenzie più o meno grandi. Quali i consigli per il consumatore che deve orientarsi e per l’agente immobiliare che deve distinguersi per professionalità?

Per prima cosa il “vero” agente immobiliare è regolarmente iscritto al relativo ruolo presso la Camera di Commercio ed è in grado di esibire il relativo tesserino di iscrizione, inoltre ha stipulato una polizza a copertura dei rischi professionali e a tutela dei clienti (per verificare l’iscrizione dei singoli agenti è disponibile un servizio di consultazione degli Albi e Ruoli presso la Camera di Commercio di Monza e Brianza, Monza, Piazza Cambiaghi 9, tel. 039.28071, emailalbi@mb.camcom.it ).

Secondariamente il vero professionista sarà attento a reperire e consegnare al cliente la documentazione inerente la proprietà e la regolarità dell’immobile in vendita ovvero le planimetrie catastali, le visure ipotecarie, la copia del rogito precedente o dell’atto di donazione con cui è stato acquistato, il certificato di conformità degli impianti, l’estratto conto condominiale e così via.

Tutti i formulari utilizzati dagli agenti (incarico di mediazione, proposta d’acquisto) inoltre dovranno rispettare le linee guida di chiarezza e trasparenza dettate dalla Camera di Commercio (cfr.http://www.mb.camcom.it/upload/file/419/209740/FILENAME/linee-guida-dep-formulari.pdf), che in caso contrario avrà potere di irrogare sanzioni disciplinari, oltre che di agire giudizialmente nei confronti di quegli agenti che hanno inserito nei loro formulari condizioni c.d. abusive onde ottenerne l’inibizione.

Com’è noto l’importo della provvigione non è predeterminato dalla legge e l’unico riferimento è dato dagli usi delle Camere di Commercio, oltre che naturalmente dall’accordo delle parti. Per tali ragioni è previsto che l’agente indichi nel contratto l’entità della provvigione dovuta, ciò anche per evitare il comportamento assolutamente poco professionale, di chi chiede una provvigione più alta nel caso in cui l’immobile venga venduto ad un prezzo differente a quello preventivato. Nel contratto, inoltre, dovrà essere indicato l’importo delle eventuali spese che debbono essere corrisposte dal cliente in caso di mancata conclusione dell’affare.

Mentre chi cerca casa può rivolgersi a diverse agenzie e visitare gli appartamenti proposti senza alcun impegno, chi vende dovrà scegliere se affidare l’incarico al mediatore con o senza esclusiva. In quest’ultimo caso, il venditore potrà affidare l’incarico ad altri mediatori ed adoperarsi egli stesso per la vendita. Il c.d. mandato a vendere deve essere conferito per iscritto.

Infine, è bene ricordare che il mediatore ha diritto alla provvigione da ciascuna delle parti, quando l’affare viene concluso per effetto del suo intervento (art. 1755 c.c.). Quindi, quando acquirente e venditore decidono di “scavalcare” il mediatore per risparmiare sulla provvigione, non fanno venir meno il diritto dell’agente al pagamento di quanto di sua competenza.

Chi desidera maggiori informazioni sull’attività di agente immobiliare potrà visitare i siti della Camera di Commercio di Monza e Brianza http://www.mb.camcom.it e delle associazioni di categoria http://www.fimaa.it o http://www.fiaip.it per citarne alcune; chi ha invece dei quesiti potrà contattare la redazione di Mbnews oppure scrivermi all’indirizzo email info@studiolegalemonza.it

Autore: Avv. Antonella Cavaiuolo

Fonte: Mbnews.it

http://www.mbnews.it/cavaiuolo/11671-agente-immobiliare-corretto-e-professionale-cercasi.html

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: