Archivi Blog

Comunicato stampa FIAIP Bergamo

Per gli agenti immobiliari novità in Camera di Commercio con la “SCIA”

“Con l’abolizione del Ruolo agenti immobiliari tenuto dalle Camere di commercio assumono maggior importanza le associazioni di categoria”, dichiara Giuliano Olivati , presidente provinciale Fiaip Bergamo, la federazione italiana agenti immobiliari professionali. “Non a caso è stato proprio per una richiesta di Fiaip che la Regione Lombardia ha recentemente elevato da 100 a 220 ore la durata del corso preparatorio all’esame camerale, per adeguare la formazione degli agenti immobiliari agli standard europei.  Qual è il problema? Con l’abrogazione del Ruolo agenti immobiliari – spiega Olivati – il possesso dei requisiti professionali previsti dalla legge, scuola media superiore, corso ed esame abilitante tenuti dalle Camere di commercio, viene autocertificato dal neo agente immobiliare attraverso la Scia, Segnalazione certificata inizio attività, con la quale si può operare da subito, mentre i controlli delle Camere di commercio si svolgeranno nei 60 giorni successivi. Abbiamo caricato un video su Youtube intitolato Fiaip Bergamo, perché i nostri agenti immobiliari sono DOC, per spiegare cosa sta facendo la Fiaip bergamasca per garantire che i suoi associati abbiano le carte in regola per esercitare la professione di agente immobiliare.  Anche se a Bergamo sappiamo che la Camera di commercio, da noi interpellata, farà controlli a tappeto su tutti i nuovi agenti immobiliari che entreranno in attività, temiamo che questo non accadrà su tutto il territorio nazionale , dato che si sente parlare di controlli a campione. Quindi da Bergamo – conclude il presidente provinciale Fiaip – vogliamo lanciare un messaggio ai consumatori: ai colleghi che chiedono di iscriversi alla Fiaip richiediamo l’attestato comprovante il superamento dell’esame della Camera di commercio, attraverso il quale verifichiamo anche la frequenza del corso e il diploma di scuola media superiore. In questo modo possiamo garantire che in nostri agenti immobiliari sono DOC, in quanto controllati al loro ingresso in Fiaip Bergamo nel possesso dei requisiti previsti dalla legge”.

Giuliano Olivati

Presidente provinciale Fiaip Bergamo

Email: olivati@fiaip.it

www.fiaipbergamo.it

Cell. +39 335 6069107

Leggi anche

Accordo con FIAIP Bergamo

Annunci

Decreto legge 21 maggio 2008: abolizione ICI sulla prima casa

Il decreto legge approvato dal Consiglio dei ministri il 21 maggio 2008 prevede l’abolizione del tributo comunale, con l’eccezione degli immobili classificati nelle categorie catastali A1 (abitazioni signorili), A8 (ville) e A9 (castelli).
L’agevolazione tocca l’«abitazione principale» che, secondo il decreto legislativo 504 del 1992, è l’immobile in cui il contribuente ha la residenza anagrafica. L’esenzione coinvolge anche le pertinenze dell’abitazione principale (come box, garage, cantine).
Se l’imposta è già stata pagata, deve essere richiesto il rimborso tramite un’apposita istanza all’ufficio tributi del comune. Non è necessaria alcuna marca da bollo, ma va allegato il bollettino postale o il modello F24 con cui si è provveduto al pagamento.
La domanda va presentata entro cinque anni dalla data di versamento dell’imposta, mentre l’ente è tenuto al rimborso entro 180 giorni dal ricevimento.
I lavoratori e pensionati che hanno già presentato il modello 730 facendo richiesta che parte del credito d’imposta fosse destinato al pagamento dell’Ici, se la tassa non è ancora stata pagata, possono presentare il modello 730 (o Unico) integrativo; in alternativa potranno effettuare la correzione con le dichiarazioni 2009.

Scarica il Testo

 

Leggi anche

Decreto legge 21 maggio 2008: abolizione ICI sulla prima casa

Codice civile – Della proprietà VII

Decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504

Diritti reali di godimento

Il diritto di superficie

Risoluzione Agenzia delle Entrate del 5.10.2010: La “prima casa” si estende ad una sola pertinenza

Case abusive

Il Governo si appresta a far pagare l’Ici alla Chiesa

Vaticano Real Estate, l’Ici della discordia vale 2 miliardi di euro

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: