Casa, 3.300 alloggi da risistemazione casali agro romano

L’agro romano diventera’ una zona parzialmente residenziale attraverso la riconversione di edifici agricoli dismessi o inutilizzati. Saranno in tutto 3.300 gli alloggi ricavati dalla ristrutturazione di casali, aziende ed ex strutture agricole situati nell’agro romano. Il 60% di questi immobili verra’ affittato a canone concordato a cittadini con redditi bassi, in particolar modo giovani coppie, studenti ed immigrati. Questo programma di riqualificazione degli immobili agricoli e’ frutto di un bando presentato lo scorso anno dal Comune di Roma, che a breve andra’ in conferenza dei servizi per poi passare alla fase di realizzazione. “In risposta al bando sono stati presentati 86 progetti, si tratta di 7mila ettari di terreno e 532mila metri cubi di costruzioni”, ha spiegato l’assessore alla Casa del Comune di Roma Alfredo Antoniozzi, a margine dell’assemblea annuale di Confagricoltura Roma. Il programma, che si calcola muovera’ investimenti per oltre 300 milioni di euro, non comportera’ la realizzazione di nuove cubature, ma la riqualificazione di immobili gia’ esistenti. “Il 60% di questi immobili verra’ affittato a canone concordato per le fasce basse delle graduatorie dell’housing sociale – prosegue Antoniozzi – si tratta di alloggi di piccole dimensioni, 50/60 metri quadri, che verranno affittati a 250/300 euro al mese. Chi mette a disposizione le aree si impegna anche a realizzare 12 milioni di euro opere di urbanizzazione”. Circa il 90% dei progetti arrivati in risposta al bando e’ stato presentato da associati alla Confagricoltura di Roma. “Ci auguriamo che oggi l’amministrazione ci dia delle risposte sui tempi di attuazione del programma – spiega il presidente di Confagricoltura Roma Massimiliano Giansanti – siamo pronti a partire, in 6/7 mesi i primi alloggi potrebbero essere pronti”. I casali e le aziende tra quelli presentati per essere ristrutturati insistono su tutti i Municipi di Roma, tranne il primo. “Per noi agricoltori questa e’ un’iniziativa di patrimonializzazione dei nostri immobili, valorizziamo casali e strutture al momento inutilizzati – ha proseguito – e produciamo nuovo lavoro”. Le nuove abitazioni prevedono anche un programma di rimboschimento delle zone limitrofe e la realizzazione di impianti fotovoltaici per la produzione di circa 9megawatt di energia.

Fonte: Repubblica.it

http://roma.repubblica.it/dettaglio-news/roma-18:44/2452

Annunci

Pubblicato il 21 luglio 2010, in Real Estate, Stampa Italiana con tag , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Siamo interessanti al tuo parere. Tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: