Agenti immobiliari sui carboni ardenti: i carabinieri aprono un’indagine

I militari della compagnia di Frascati vogliono capire se i nove ustionati di Villa Icidia siano stati indotti alla passeggiata “ardente” da una qualche pressione psicologica

E’ finito sotto la lente d’ingrandimento dei carabinieri di Frascati il finale shock della convention di una nota agenzia immobiliare a Villa Icidia, nella zona di Vermicino. I militari vogliono capire se i nove ustionati finiti in ospedale siano stati in qualche modo costretti o indotti ad affrontare la camminata sui carboni ardenti tramite delle pressioni psicologiche.

Potrebbe infatti profilarsi un reato dietro la prova. I carabinieri della compagnia Frascati, infatti, hanno convocato i partecipanti alla convention dei dirigenti immobiliari, circa trenta persone, per cercare di ricostruire quanto avvenuto ed esaminare le responsabilità degli organizzatori dell’evento.
Da quanto trapela alcuni partecipanti hanno sostenuto che la prova è stata “venduta” come una di quelle prove utili per sviluppare la propria energia e per raggiungere nuovi e ambiziosi obiettivi.

Dopo gli agenti immobiliari, saranno sentiti gli organizzatori ed infine il docente motivatore.

Fonte: Romatoday.it

http://www.romatoday.it/cronaca/indagini-agenti-immobiliari-sui-carboni-ardenti.html

Annunci

Pubblicato il 7 luglio 2010, in Stampa Italiana con tag , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Siamo interessanti al tuo parere. Tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: