Agenti immobiliari: istanza al Governo sulla Direttiva europea sui servizi

La Consulta Interassociativa dell’Intermediazione (ANAMA, FIAIP e FIMAA) si è riunita a Roma, il 6 novembre 2009, per esaminare gli effetti della Direttiva Europea sui Servizi (DirCE 2006/123/CE) sull’attività professionale degli agenti immobiliari.

I Presidenti, Bellini, Righi ed Angeletti, hanno espresso seria preoccupazione, qualora l’interpretazione della Direttiva non prestasse la dovuta attenzione, alla salvaguardia dei requisiti specifici della professione, così come previsti dalla Legge 39/89.
Il provvedimento è di fondamentale importanza per il futuro delle professioni e delle attività commerciali e di servizio. La ratio della Direttiva è quella di favorire la libera circolazione dei cittadini, dei professionisti e degli imprenditori. Per queste ragioni, la Consulta chiede al Governo italiano di equilibrare le esigenze interne dettate dalle leggi che impongono, per esempio, agli agenti immobiliari di superare un esame di abilitazione e la libera circolazione degli agenti immobiliari provenienti dagli Stati membri. E’ facile intuire – sostengono i Presidenti – che se in Italia è obbligatorio frequentare un corso di formazione e superare un esame non sarà possibile all’agente immobiliare lituano, per esempio, svolgere la stessa attività in assenza di requisiti.”Lacompetenza e la professionalità richiesta dai consumatori non si inventa ma la si costruisce con lo studio e l’esperienza”.
Su questo i leaders delle tre associazioni nazionali sono impegnati per derimere ogni possibile discrasia operativa e dare linearità al traffico della professione di agente immobiliare su tutto il territorio europeo
La Consulta ribadisce che le garanzie di trasparenza legate all’attività dell’agente immobiliare, (antiriciclaggio, antiterrorismo e lotta all’evasione fiscale) non possono essere ignorate, soprattutto alla luce delle recenti normative che hanno coinvolto la professione in una funzione di controllo dello Stato. Ritiene altresì importante salvaguardare il principio della terzietà, a garanzia dei fruitori del servizio, come disciplinato dall’attuale legislazione. A margine dell’incontro i tre Presidenti, hanno convenuto la necessità di monitorare e vigilare costantemente sull’iter procedurale del recepimento delle Direttive Europee e auspicano che le decisioni dei Ministeri competenti siano orientate, oltre che alla tutela dei consumatori, all’incremento della professionalità di tutti gli operatori.

Fonte: IlSole24ore.it

http://www.professionisti24.ilsole24ore.com/art/Professionisti24/Edilizia/2009/11/Convegno.shtml?uuid=afed59b2-ce9d-11de-a8da-0c1a175b3c55&DocRulesView=Libero

Annunci

Pubblicato il 11 novembre 2009 su Stampa Italiana. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Siamo interessanti al tuo parere. Tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: